Ominide 2537 punti

L’età giulio - claudia: problematiche dal punto di vista letterario

Si pone un problema relativo ai contatti tra l’imperatore e l’intellettuale. La figura di Mecenate aveva svolto un ruolo importantissimo. Adesso cambia il rapporto perché non c’era una figura di spicco capace di mediare così come Mecenate. Quando un sovrano va alla ricerca del consenso del popolo, se non gli viene accordato, deve quindi estorcerlo limitando la libertà; gli intellettuali si accorgono prima di tutti di questa situazione di malessere. I cittadini diventano sudditi.

Lo stoicismo è la corrente filosofica che più si afferma tra gli oppositori: filosofia e vita diventano un tutt’uno. Si afferma una certa volontà di imitare i classici poiché si assiste a un decadentismo di valori; si intende emulare chi aveva dato un buon esempio. La via dell’emulazione porterà a tendenze manieristiche andando alla ricerca di un qualcosa che calmasse il vuoto di idee perché non avrà la possibilità di esprimersi, di dare spazio all’originalità; le tragedie di Seneca risentono di questa situazione. Ad esempio: Nerone aveva ricevuto da Seneca degli insegnamenti preziosi, la sua formazione culturale era di buona fattura; la buona coscienza di Seneca lo portò anche ad agire benevolmente prima della crisi finanziaria; la riforma monetaria fatta da Nerone fu utile fin quando la appoggiò.

Hai bisogno di aiuto in L'età imperiale?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email