Ominide 2537 punti

Eschilo- caratteristiche

Eschilo è stato l'iniziatore del genere tragico. Utilizza un linguaggio magno-eloquente, in lui troviamo i canoni della tragedia, la solennità che diventa stile. "I Persiani", è l'unica tragedia di carattere storico: questi furono sconfitti perchè avevano affrontato il destino, schierandosi contro le divinità e portando avanti il progetto di tracotanza, macchiandosi di ubris. Nei "Sette a Tebe" si vedono Argo e Tebe, protagoniste di un conflitto: due fratelli che muoiono sfidandosi a duello, l'uno per mano dell'altro. La colpa di cui si macchia Edipo aveva in comune questa sorta di contaminazione che i greci chiamavano "miasma" (il sangue che esce dall'ucciso e contamina la terra in cui si riversa ). L'uomo che prende delle decisioni si assume la responsabilità del suo agire. Eschilo rivaluta l'importanza del mito: quest'ultimo serviva per essere divulgato e conosciuto,ma soprattutto per la sua valenza educativa, così che l'uomo conosceva le regole della vita attraverso il dolore e la sofferenza dei personaggi che si muovevano sulla scena; l'uomo così comprende che non si può sfuggire al male, perché è un componente inevitabile della vita. Nella struttura della tragedia di Eschilo, i sentimenti forti sono quelli che predominano. Eschilo non utilizza un linguaggio comune, molti vocaboli sono desunti dal lessico dell'epica.

Hai bisogno di aiuto in Letteratura Greca?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email