Ominide 20 punti

Quando i nostri genitori avevano la nostra età, non perdevano tempo a giocare con gli smartphone o con i tablet, ma andavano a giocare fuori a campana oppure con il carro armato costruito dalle loro manine agili. Se i nostri genitori oggigiorno venissero nelle nostre stanze per vedere cosa stiamo facendo troverebbero noi ragazzi, ma anche bambini, che giocano con i loro computer. Se camminiamo per strada vediamo bambini di sette-otto anni che parlano al telefono con gli amici attraverso degli apparecchi giganti più grandi delle loro facce o mani. Cosa sta succedendo? La generazione dei ragazzi si sta rovinando aumentando il rischio di mortalità per colpa di tumori al cervello portati dalle onde magnetiche dei telefoni. Si aumenta anche il rischio di stalking perché i ragazzi (soprattutto le ragazze) ingenuamente non conoscono i rischi di internet e senza saperlo accettano richieste di amicizia su facebook o altri siti. La generazione più bella sta andando a degenerarsi sempre di più per colpa di questa utile, ma allo stesso tempo pericolosa tecnologia. Ormai i ragazzi di oggi vengono chiamati “nativi digitali”, cioè nati sotto la costante influenza delle nuove tecnologie. I miei genitori e mia sorella molte volte mi parlano di quanto era bello andare fuori a giocare, mentre noi ragazzi non penseremmo mai di andare fuori per giocare a pallone o a campana perchè siamo capaci soltanto di comunicare attraverso dei telefoni e guardare film o serie tv sul nostro portatile. Ormai dopo tanto tempo che usiamo i telefoni siamo abituati a dire anche cose molto importanti attraverso i cellulari perché ci sentiamo più sicuri di noi stessi guardando uno schermo piuttosto che guardare negli occhi qualcuno. Questo discorso non vale solo per i bambini ma anche per gli adulti perché è stato provato che in questi ultimi anni la maggior parte dei divorzi è avvenuto a causa della tecnologia dato che ormai non si comunica più. La tecnologia ha ovviamente dei vantaggi, ma anche degli svantaggi. Con la tecnologia si può fare la spesa su internet, si può comunicare in maniera più veloce, si possono guardare film, si possono fare le videochiamate con gli amici lontani, si può giocare e tante altre cose. Avere questi privilegi è bello ma per fare tutte queste cose con la tecnologia il cervello deve avere un impegno maggiore perché deve guardare ripetutamente lo schermo di un computer, di un cellulare, o di un tablet che producono la cosiddetta “ luce blu” e la conseguenza è un forte mal di testa. Anche se si può fare la spesa su internet non è detto che arrivi come l’avevamo ordinata noi, anche se si può parlare con un amico non sempre è bello perché potrebbe succedere che mentre si sta discutendo l’amico possa fraintendere e quindi potrebbe nascere una lite e anche se si possono guardare dei film non è detto che siano trasmessi bene dal computer, potrebbero avere delle disfunzionalità acustiche, o peggio il film potrebbe non essere registrato tutto. Quindi, per concludere, viva la tecnologia sempre con moderazione!

Hai bisogno di aiuto in Antologia per le medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email