Video appunto: Fondamenti di grammatica latina

Fondamenti di grammatica latina



L'alfabeto



Le lettere latine sono 24: a,b,c,d,e,f,g,h,i,k,l,m,n,o,p,q,r,s,t,u,(v),y,z
Come potete notare,però la v è scritta tra parentesi, infatti con il segno v veniva indicata sia la u vocale come in uno e sia la u semivocale (o semi consonante)come in uinum


L'alfabeto latino veniva letto così: a,be,ce,de,ef,ge,ha,i,ka,el,em,en,o,pe,qu,er,es,te,u,ics,hi,zeta



La Pronuncia



La pronuncia della lingua latina,che abbiamo noi oggi non è la stessa che parlavano gli antichi latini, o almeno non ne siamo certi,dato che non abbiamo testimonianze dirette.

Sono nati dunque due modi di pronuncia, uno originario dalla tradizione ecclesiastica e dalla lingua latina tardo-antica, e l'altra originaria dal desidero di riprodurre la pronuncia del I sec. a.C. e del I sec. d.C.
La pronuncia che si studia in Italia è quella detta "scolastica" (o ecclesiastica), mentre quella di studenti di madrelingua non romanza studieranno la seconda,quella cosidetta "classica" (o restituta).
Ecco le differenze:


    il dittongo ae e oe,senza dieresi(= e(altrimenti ae ed oe)/ae e oe(sempre
    le sillabe ce e ge e ci e gi= con consonante dolce/con consonante dura
    la lettera h= muta/con aspirazione leggera se a inizio parola
    il gruppo consonantico gn= gn/g-n(g dura + n)
    il gruppo consonantico ph= f/p con successiva aspirazione
    il gruppo ti= zi (o ti se porta accento, o se preceduta da s,t o x)
/ti(sempre)

Leggi le seguenti parole secondo le due pronunce



    Caelum
    Cognosces
    Poëta
    Foedus
    Philosophia
    Totìus
    Laetitia
    Aër
    Aetas
    Bestia