Ominide 11267 punti

Tanzania


Tanzania: La Tanzania è costituita da una pianura costiera ricoperta da fitte foreste e da altipiani interni che culminano con la cima del Kilimangiaro (5895 m), la massima vetta africana. Percorsa da numerosi fiumi, fra cui il Kagera e il Rufiji, che riceve le acque di numerosi affluenti, la Nazione ospita i grandi laghi Vittoria, Tanganica, Malawi, Rukwa e molti altri. Il clima, generalmente umido e caldo nella parte settentrionale, diventa più temperato presso i laghi. Povera di industrie, la Tanzania fonda la propria economia soprattutto sull’agricoltura producendo cotone, banane, caffè e sisal, una fibra naturale di cui è la principale produttrice africana. Numerosi gruppi seminomadi allevano capre, pecore e soprattutto bovini (più di 13.000.000 di capi). Ebano, cedro e bambù costituiscono le principali essenze arboree pregiate e vengono largamente esportati. Il bellissimo parco di Ngorongoro richiama numerosi turisti e naturalisti stranieri.
Kenya: Il Kenya è costituito da una fertile pianura costiera e, all’interno, da altipiani che culminano con le cime del Kenya (5199 m) e dell’Elgon (4321 m). attraversato da numerosi fiumi, fra cui il Tana, il territorio comprende il Lago Turkana e si affaccia ad ovest sul più vasto lago africano ( e terzo del mondo): il Lago Vittoria. Il clima è tropicale. Il Kenya è fra i Paesi più progrediti del continente e può contare su un’agricoltura fiorente: immense piantagioni producono ananassi, caffè, tè, noci di palma e cotone. Notevolissimo l’allevamento del bestiame (14.000.000 di bovini, 8.000.000 caprini e oltre 7.000.000 do ovini), praticato da gruppi nomadi nelle regioni più aride. In continuo sviluppo alcuni settori industriali (chimico, alimentare, idroelettrico). I parchi nazionali sono una meta costante del turismo internazionale.
Hai bisogno di aiuto in Geografia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove