Ominide 13147 punti

Quando si parla di sviluppo sostenibile si intende uno sviluppo che va incontro alle necessità del presente senza compromettere la possibilità di soddisfare anche quelle delle future generazioni. Il concetto di sviluppo sostenibile non può essere limitato al solo utilizzo delle risorse del pianeta o di uno specifico territorio, ma va correlato al concetto di società sostenibile, prendendo in considerazione non soltanto gli aspetti economici, ma anche quelli sociali, culturali, etici e politici. Negli ultimi anni diverse sono state le ricerche e gli studi riguardo alla tesi che l'umanità sta usando le risorse del pianeta oltre le sue capacità di carico. Tali studi, attraverso la definizione di concetti quali lo "Spazio Ambientale" e l'"Impronta Ecologica", cercano di stabilire qual è il livello di consumo di beni che può essere considerato sostenibile per un ecosistema. La capacità di carico, "Carring Capacity", è un concetto sviluppato per valutare qual è la massima popolazione che può sopportare un determinato ambiente o ecosistema senza che venga compromesso. Si esprime come numero di individui per unità di superficie. La Carring Capacity dell'ecosistema globale stabilisce i limiti allo sviluppo. Ci dice che se vogliamo vivere in un mondo sostenibile dobbiamo essere sicuri che il nostro utilizzo di prodotti e processi della natura non sia più rapido del tempo che è loro necessario per rinnovarsi, e che il carico inquinante non deve essere superiore alla capacità di assorbimento e di adattamento del sistema. Lo Spazio Ambientale è definito come il quantitativo di risorse, energia, acqua, territorio, materie prime non rinnovabili e legname che può essere consumato da ogni persona rispettando l'ambiente e i diritti degli altri esseri umani.

Questa metodologia introduce il principio di "equità", secondo cui ogni abitante della Terra ha diritto di accesso ad uno stesso quantitativo di spazio ambientale, o quota di risorse. Questo significa che l'uso di risorse fatto dai Paesi più industrializzati deve ridursi drasticamente per consentire una crescita equa ai Paesi in via di sviluppo, senza ulteriormente superare la capacità del pianeta di rigenerarsi e di assorbire l'inquinamento. Il concetto di Impronta Ecologica consente di misurare la superficie del territorio necessaria a sopportare a lungo termine i consumi di un individuo, di un gruppo o di un determinato sistema socio-economico, come una città, una regione, uno Stato, un continente. I calcoli dimostrano che avremmo bisogno di un pianeta del 30% più grande per sopportare gli attuali consumi senza impoverire gli ecosistemi. La consapevolezza della necessità di dover affrontare i problemi dell'ambiente unitamente, alla necessità di dover garantire un più equo sviluppo sociale ed economico, si è tradotta in un impegno politico, anche a livello internazionale.

Hai bisogno di aiuto in Geografia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email