Ominide 6604 punti

Tessitura e struttura dei suoli

La maggior parte dei suoli e' formata da particelle di dimensioni differenti, dall'argilla, più fine, alla sabbia, più grossolana. Esse vengono classificate in base al loro diametro: la percentuale di particelle appartenenti alle diverse classi diametriche definisce la tessitura di un suolo. Si tratta di una proprietà fondamentale, perché influenza notevolmente la capacita del suolo di trattenere o di lasciar circolare l'acqua e l'aria, essenziali per la crescita delle piante.
Con il termine tessitura, si indica la costituzione della parte solida del terreno, espressa infatti come percentuale delle particelle elementari che lo compongono, classificate in categorie convenzionali in base al diametro .
La tessitura è una caratteristica di grande importanza in quanto molte proprietà del terreno e dei fenomeni che in esso avvengono,sono influenzati dalle dimensioni delle particelle stesse.

Per esempio, un suolo con una grande percentuale di sabbia tende a perdere acqua rapidamente perché e' molto permeabile, mentre in un suolo argilloso avviene il contrario. I suoli più adatti alla crescita della maggior parte delle piante sono quelli che vengono chiamati suoli franchi, in cui le diverse componenti sono presenti in proporzioni equilibrate (25%-50% di sabbia e 5%-25% di argilla).
La struttura del suolo definisce il modo in cui le particelle si uniscono insieme formando aggregati e come questi sono disposti nello spazio. Anche la struttura di un suolo e' una proprietà importante, in quanto ne influenza la lavorabilità agricola e la resistenza all'erosione.

Hai bisogno di aiuto in Geografia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email