Ominide 16918 punti

Sardegna

La Sardegna, così chiamata dal popolo dei Sardi che abitò in tempi antichissimi, è la più appartata delle regioni italiane. È poco popolata in relazione alla vastità territoriale, e presenta paesaggi solenni e malinconici, meno variati di quelli siculi. Terra di pastori e di contadini dai fieri e tenaci costumi, ha conservato fino ai nostri giorni le tradizioni di antichissime abitudini di vita. Della remota origine della stirpe sarda sono interessante testimonianza gli avanzi dei misteriosi “nuraghi” (costruzioni a secco a forma di tronco di cono, composte di grosse pietre, che probabilmente servivano da fortezze o da templi o anche, semplicemente, da abitazioni), sparsi a migliaia sulle alture dell’isola. La Sardegna fu possesso delle repubbliche marinare di Pisa e di Genova, degli Aragonesi, degli Spagnoli e più tardi dei Savoia. Questa regione sente in modo molto vivo la solidarietà con la patria italiana, benché goda di uno Statuto regionale autonomo, concessole nel 1948. La Sardegna è la seconda isola italiana. Ha la forma di un parallelogrammo lungo circa 270 chilometri, incavato da profonde insenature: i golfi dell’Asinara, di Oristano, di Cagliari e di Orosei. La Sardegna ha un grandissimo sviluppo costiero superiore a quello della Sicilia: ciò nonostante gli approdi sono scarsi, e l’isola è rimasta fino a oggi la più appartata delle regioni italiane. In vicinanza delle coste emergono parecchie isole minori; le principali sono: la Maddalena, Caprera e l’Asinara a Nord; Sant’Antioco e San Pietro a Sud.
Hai bisogno di aiuto in Geografia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email