Video appunto: Périgord – descrizione

Périgord – descrizione



Il Périgord è una regione storica francese che si estende dalla base del Massiccio Centrale in direzione sud-ovest e comprende la Dordogna e parte dell'Aquitania.
La Dordogna è costituita da tutta una serie di piccoli paesi con caratteri geografici diversi legati tra loro da una foresta presente ovunque e da numerosi fiumi.

Il Périgord è costituito da altipiani calcarei e colline tra le alture del Limousin e la pianura dell'Aquitania. A seconda delle colture coltivate e della vegetazione, gli abitanti della regione hanno dato al Périgord un nome diverso: possiamo distinguere il Périgord Verde, il Périgord Bianco (o Périgord Centrale), il Périgord Nero e il Périgord Viola.

Il nome Périgord vert evoca l'abbondanza di erbe, ruscelli e prati. La regione è ricoperta da boschi di querce e faggi, abeti rossi, pini e castagni. Sulle distese piatte crescono ginestre, erica e, nel sottosuolo, muschi e felci. A nord, il terreno è talvolta cosparso di blocchi grigiastri arrotondati. I fiumi che attraversano la zona sono tutti di carattere torrentizio.
Il Périgord Bianco è costituito da un terreno gessoso il cui aspetto biancastro si rivela dopo l'aratura. In primavera i campi sono ricoperti di cereali (grano, segale e avena) e colza, il che ha favorito lo sviluppo di piccole città industriali.
Il Périgord Noir è costituito da alte colline che raggiungono i 300 metri di altitudine, dove crescono in gran quantità boschi di castagni, pini marittimi e lecci. La regione è attraversata dal fiume Dordogna, che serpeggia in modo molto ampio ai piedi di pareti vertiginose. Qui si rifugiarono uomini del Paleolitico superiore. I boschi sono spesso tagliati da radure dove sono state costruite frazioni e case isolate, soprattutto case in pietra ocra con tetti di tegole piatte.
Nella parte sud-occidentale abbiamo il Périgord viola, cioè la regione di Bergerac. Il colore ricorda le foglie delle viti in autunno. In effetti, è il paese della vite, degli alberi da frutta e delle bastide. Il clima particolarmente mite e gli autunni soleggiati favoriscono la vendemmia tardiva delle uve Montbazillac. La regione è molto fertile e ovunque si coltivano colture ricche.