Ominide 8039 punti

Friuli-Venezia Giulia- territorio

Il Friuli-Venezia Giulia rappresenta per estensione la quart'ultima fra le nostre regioni, davanti alla Liguria e subito dopo l'Umbria. Forma la parte nord-orientale dell'Italia e confina: a ovest col Veneto, a nord con la l'Austria, ad est con la Iugoslavia. A sud è bagnato dal Mare Adriatico.
Due quinti della Regione spettano alla montagna; altri due alla pianura; il resto alla collina.
La montagna è costituita dalla maggior parte delle Alpi Carniche, che culminano col Monte Coglians e da una parte dalle Alpi Giulie, che culminano col Monte Canin, posto sul confine italo-iugoslavo.
Tra i passi risaltano la Sella di Cima Sappada e il P. della Mauria verso il Veneto; il P. di M.Croce Carnico e la Sella di Camporosso sul confine con l'Austria; il P. del Predil e la Sella Nevea sul confine con la Iugoslavia.
A sud del corso superiore del Tagliamento s'innalzano, spesso oltre i 2000 m, le Prealpi Carniche. La larga valle del medio Tagliamento le separa dalle Prealpi Giulie, meno elevate.

Ad oriente dell'Isonzo si stendono gli altopiani del Carso. Fra questi appartiene all'Italia solo il Carso Triestino, di poco superiore ai 400 m, ma ricco di grotte e di altri fenomeni carsici.
Tra le Prealpi e la pianura si snoda una zona subalpina di colline verdeggianti, tra cui spiccano quelle dell'anfiteatro morenico del Tagliamento, costituite dai depositi lasciati dall'antico ghiacciato che ivi scendeva dalle Alpi.
La pianura friulana è l'estremo lembo orientale della grande pianura padano-veneta. Si divide in una parte alta, arida, e in una parte bassa, ricca d'acque. Quest'ultima è accompagnata verso il mare da una fascia di lagune e di terreni di bonifica.
Il clima può dirsi semicontienentale, nel senso che l'influsso mitigatore del mare è avvertibile essenzialmente lungo la costa. Tuttavia anche nell'interno, ivi inclusa la montagna, mancano i forti contrasti termici fra l'estate e l'inverno, tipici del clima propriamente continentale.
Un'altra caratteristica climatica consiste nella bora, il forte vento freddo che nell'inverno colpisce spesso la parte orientale della Regione, spirando da nord-est.
I fiumi friulani hanno un regime torrentizio che dipende direttamente da quello delle piogge. D'estate e d'inverno si trovano in magra, ma nelle stagioni intermedie presentano piene pericolose. Tali, ad esempio, sono il Tagliamento, che raccoglie le acque della Carnia e l'Isonzo, il cui corso superiore appartiene alla Iugoslavia.

Hai bisogno di aiuto in Geografia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email