Video appunto: Limoges – descrizione

Limoges – descrizione


Limoges è la città più importante del Limousin, una regione storica nel centro della Francia. È conosciuta in tutto il mondo per la produzione della famosa porcellana che rappresenta più della metà della produzione francese; tutti gli articoli prodotti, di altissima qualità, sono il risultato di una tradizione mantenuta con la massima cura.

La decorazione utilizza diversi processi. La decorazione a mano richiede il talento di abili artisti, noti come "pittori di fiori". Possono esercitare un motivo originale, riprodurre tele famose o disegnare con sorprendente precisione e regolarità le iniziali su tutto il servizio. È anche possibile ottenere un blu profondo con la tecnica nota come "blu forno": al pezzo vengono applicati diversi strati di blu cobalto, ogni volta mediante cottura. L'intarsio in oro o argento consiste nel depositare il metallo prezioso, 22 carati per l'oro, in una decorazione cava. D'altra parte, la decorazione dei francobolli e la decalcomania sono altri due processi meno nobili e, quindi, meno preziosi. Tutte le decorazioni sono cotte in un forno ad una temperatura di 800° C.

Limoges è nota, fin dal Medioevo, anche per la produzione di smalti, resa possibile dalla presenza di ossidi metallici nel sottosuolo della regione. Importanti collezioni storiche di smalti arricchiscono i musei del Limosino e soprattutto quello del Vescovado di Limoges.
Il quartiere più antico della città, situato sul puy St-Etienne è la "Cité", dominata dalla cattedrale di St-Etienne, la cui costruzione si è estesa per sei secoli, dal XIII al XIX secolo.
Il quartiere del "Château" costituisce il centro della città, con le sue antiche e vivaci vie dello shopping. Un anello circolare di viali ha preso il posto dei vecchi bastioni che, in passato, isolavano la città dalla periferia.
Meritano una visita i resti dell'abbazia di Saint-Martial che si trovano nella zona dell'attuale Place de la République. Nel Medioevo l'abbazia, affiliata a Cluny, seguì la regola benedettina e fu un importante centro di misericordia, arte e cultura. Più tardi cominciò a decadere e durante la Rivoluzione i suoi edifici furono demoliti. Intorno alla tomba di San Marziale, apostolo del Limousin, furono costruite tre chiese: la Basilica del Salvatore, San Pietro e San Benedetto.