Ominide 287 punti

L'Egitto è uno stato che si trova nell' Africa settentrionale. Confina a est con Israele, a ovest con la Libia e a sud con il Sudan. Si affaccia a est sul mar Rosso e a nord sul mar Mediterraneo. L' Egitto è più grande tre volte dell' Italia. Il territorio egiziano è perlopiù desertico ( 95 % ) con alcune montagne che superano i 2000 m soprattutto nella penisola Sinai. Il territorio egiziano può ospitare oltre 80 milioni di persone perché all' interno di esso scorre il fiume Nilo (6671 km) , il fiume più lungo del mondo, attorno il quale vive il 95 % della popolazione e dove sorgono le principali città. Il Nilo è quasi interamente navigabile e le fasce di terra che lo costeggia è molto fertile. Il corso del Nilo procede verso nord e sfocia nel mar Mediterraneo. Il clima è tropicale secco. La piovosità è scarsissima lungo la costa e nulla nel deserto.
La popolazione e le città = Gli egiziani sono un popolo giovanissimo : circa un terzo della popolazione ha meno di 15 anni e il 60 % non supera i 30 anni. La bassissima età media è la conseguenza dell' abbattimento della mortalità infantile avvenuto negli ultimi cinquant'anni. L'analfabetismo è ancora oggi molto diffuso e la scarsa istruzione contribuisce a tenere elevato il tasso di disoccupazione. Gli egiziani sono un popolo omogeneo per etnia, lingua e religione. La lingua ufficiale è l'arabo e la religione è quella islamica. Il Cairo, capitale del Paese, ha una popolazione di quasi 8 milioni di abitanti. E' un importante centro culturale scientifico, la sede dei maggiori quotidiani arabi e di alcune delle principali reti televisive, è inoltre dotata di quattro aeroporti. L' altra importante città egiziana è Alessandria. che dal 2002 è sede di una delle più grandi biblioteche del mondo. Alessandria d’Egitto è stata anche città natale di grandi poeti della letteratura italiana come Giuseppe Ungaretti. L' economia = Da grande produttore di cotone durante il XX secolo, oggi ha convertito la propria agricoltura sui prodotti alimentari, soprattutto cereali e ortaggi. Il sottosuolo egiziano è ricco di giacimenti di petrolio e gas naturale. Per quanto riguarda l' industria, quella egiziana è ancora poco sviluppata. I settori tradizionali sono il tessile e l' agroalimentare. Il settore più importante del terziario è il turismo che conta ogni anno dai 4 agli 8 milioni di turisti. I turisti sono attratti soprattutto dall' immenso patrimonio archeologico dell' antico Egitto, ma anche dai magnifici fondali corallini del mar Rosso. Purtroppo, negli ultimi anni, si sono verificati alcuni attentati terroristici organizzati da gruppi di estremisti islamici e diretti contro alberghi frequentati da turisti occidentali. Poiché gli attentati hanno danneggiato l' immagine del Paese, nel 2007 il governo egiziano ha emanato una durissima legge antiterrorismo.

Varie informazioni sull' Egitto

La bandiera = l' attuale struttura a tricolore rosso, bianco e nero fu adottata dopo il colpo di stato del 1952, ma è cambiato l' emblema centrale : attualmente vi è un aquila dorata con uno scudo sul petto e tra gli artigli un rotolo di papiro recante il nome della nazione in arabo. La capitale è Il Cairo, la forma di governo è la Repubblica, la moneta è la Lira egiziana. L'Egitto è percorso dal Nilo. La parte meridionale dell'Egitto si chiama Alto Egitto, mentre la parte settentrionale si chiama Basso Egitto. Grazie al fiume Nilo è nata la più importante civiltà. Il fiume, con periodi precisi, straripava lasciando sul terreno un fertilizzante, il limo, che gli egizi usarono per fertilizzare il terreno per coltivare. L'Egitto si evolve e la sua popolazione creò delle provincie del regno egizio, chiamate NOMI. L'Egitto, che era diviso in due zone (Alto e Basso Egitto) fu unificato poco dopo il 3000 dal sovrano Narmer che diede inizio alla storia egizia. La prima capitale fu Tini e quindi il regno è chiamato Regno Tinita. Nella stessa epoca si sviluppano i geroglifici. La tappa successiva è l'Antico Regno, dove la capitale si spostò a Menfi dove oggi nella sua periferia, si possono ammirare le Piramidi. Il sovrano per governare aveva bisogno di amministratori, detti Visir. Ogni nomo era amministrato da un visir. La classe degli amministratori era costituita da scribi. La civiltà egizia era divisa in classi sociali: al vertice, il faraone, poi il primo ministro, i funzionari, scribi, lavoratori e gli schiavi. I faraoni erano visti come dei discesi sulla terra. La scrittura egizia, i geroglifici, venne tradotta solo grazie al ritrovo della Stele di Rosetta, trovata in una spedizione di Napoleone dal francese Bouchard. La lingua era prima ieratica, cioè sacerdotale, poi venne semplificata, nella demotica ovvero popolare. Dopo l'Antico Regno, seguì il Medio Regno con capitale Tebe. L'Egitto era privo di materie assai utili per lo sviluppo della civiltà. I faraoni organizzarono numerose spedizioni militari per occupare dei luoghi che avessero ciò che il territorio egizio non possedeva. Gli Egizi si svilupparono nel campo astronomico, infatti crearono un calendario con indicate le piene del Nilo, nel campo matematico, scientifico e farmaceutico. Gli Egizi possedevano numerosi portafortuna, il più comune era lo scarabeo. Dopo l'invasione da parte degli Hiksos, (1640 circa), il territorio venne unificato nel Nuovo Regno con capitale Tebe. Con i faraoni, gli egizi si spinsero fino all'Asia, ma le conquiste si fermavano sempre prima della Palestina. Secondo gli Egizi, chi non credeva nella religione, meritava la morte. Amenofi IV permise l'adorazione di un solo Dio: Aton. Tutankamon riporto la capitale a Tebe (spostata da Amenofi IV a Aketaton). Morì a soli 18 anni. Il più grande faraone fu Ramsesse II che affrontò gli Ittiti senza sconfiggerli.
Hai bisogno di aiuto in Geografia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Come fare una tesina: esempio di tesina di Maturità