Genius 20104 punti

Besançon: attrattive turistiche


Capitale politica ed economica della Franche-Comté, Besançon è anche un centro culturale importante. Oltre alla sua rinomata università, la città è anche famosa per il suo festival internazionale di musica dove, ogni autunno, si possono sentire i più grandi musicisti contemporanei. Infine, da qualche anno, la città accoglie il Salone del Libro delle regioni confinanti, dove gli scrittori locali incontrano i loro omologhi svizzeri, belgi e quelli della provincia canadese di Autoway.
Besançon possiede due fra i più ricchi musei francesi. Prima di tutto quello del Palais Granvelle, in cui si può ammirare un'importante serie di arazzi fiamminghi del '600, fra i quali l'abdicazione di Carlo Quinto, così come un quadro del Tiziano e diversi monumenti che evocano i momenti più importanti della storia della Franche-Comté.
È soprattutto il Museo delle Belle Arti, allestito nell'antico Mercato del Grano, che gli abitanti di Besançon considerano come il più bel simbolo del loro patrimonio artistico. Bellini, Van der Meulen, Goya, Fragonard oltre ad alcune opere di pittori regionali di qualità come Courbet, offrono ai visitatori una scelta varia. Il museo delle Belle Arti possiede inoltre, da una ventina d'anni, una serie di disegni, stampe e quadri dell'epoca moderna, come Renoir, Martisse e Picasso.
L'edificio, che è stato ristrutturato da un discepolo di Le Corbusier, contiene anche altrui oggetti di grande valore come bronzi gallo-romani, ceramiche, arazzi e il Museo dell'Orologeria che permette di seguire l'evoluzione tecnica della misura del tempo, dal '500, fino ai giorni nostri. È un bell'omaggio reso alla lunga generazione di artigiani abilissimi che hanno reso famosa l'industria orologiaia della Franche-Comté in tutto il mondo.
Si potrà anche apprezzare un capolavoro nato dal genio inventivo di A.L.Vérité: l'orologio astronomico costruito nel 1857. È alto 5,80 metri e largo 2,50 metri. È composto da 30.000 pezzi e popssiede 22 automi che si muovono a seconda dell'ora. Presenta anche un planetario che raffigura con precisione il movimento dei pianeti intorno al sole.
Ma Besançon non si interessa solo del passato. Possiede anche una Scuola di Belle Arti, diretta da due grandi artisti contemporanei che formano i giovani talenti del 3° millennio.
Nel campo scientifico, laboratori pubblici e privati ed anche la Scuola Nazionale della Micromeccanica e delle Microtecniche, preparano la "rivoluzione tranquilla" che segnerà il prossimo millennio, dedicato alla robotizzazione.
La città è dominata da una fortezza che sembra vegliare sulla sicurezza di tutta la vallata. All'interno, oltre alla presenza di tre musei, troviamo la stazione radiofonica France-Besançon e tre altri musei da visitare:
1. Il Museo Popolare Comtois che conserva una ricca collezione di oggetti che appartengono al patrimonio rurale e regionale;
2. Il Museo della Resistenza e della Deportazione, il cui ingresso è ornato dal "Paolo dei fucilati" che ricorda il sacrificio di coloro che sono morti per la libertà;
3. Il Museo di Storia Naturale presenta la fauna e la flora locale ed è completato da uno zoo.
Hai bisogno di aiuto in Geografia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
×
Registrati via email