Ominide 8039 punti

Demografia e modelli urbani-Belgio

Il Belgio è uno dei paesi più densamente popolati d'Europa, con 338 abitanti per chilometro quadrato. Oggi, l'incremento della popolazione è minimo e le forti ondate migratorie provenienti da altri Paesi europei durante il Novecento si sono ridotte in seguito alla crisi del settore minerario. La popolazione è distribuita in modo irregolare: si concentra soprattutto nel nord del Paese e vive per lo più nelle aree urbane; elevato è infatti il tasso di urbanizzazione.
In Belgio lo sviluppo urbano ha origini molto antiche. Molte città, infatti, sono nate o si sono sviluppate a partire dal Medioevo.
Nelle regioni delle Finadre sorgono alcune splendide città d'arte come Bruges, Anversa e Gand, dove gli edifici erano raccolti intorno alla grande piazza, dominata da alte torri, le beggrois, e da campanili dallo slanciato stile gotico, i simboli dell'organizzazione comunale di questi vivaci centri commerciali.

Nelle regione della Vallonia, meno popolata delle Finadre, sono minori anche i centri urbani. Il più importante è Liegi, un centro industriale sviluppatosi in passato grazie alle vicine miniere di carbone. Altra grande città è Charleroi, fondata nel XVII secolo e famosa per varie battaglie che si sono svolte nelle vicinanze, sia per le ricche miniere di carbone della zona.
L'attuale capitale del Paese,Bruxelles, fa parte di un agglomerato urbano che sfiora il milione di abitanti: è sorta nel XVII secolo lungo la strada che univa la Germania alle Fiandre ed è diventata importante in seguito allo sviluppo industriale. Oggi, però, Bruxelles è soprattutto il centro della vita politica e culturale-artistica del Paese ed è una città cosmopolita, sede di importanti organismi internazionali, come la Commissione Europea e la NATO.

Hai bisogno di aiuto in Geografia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email