Ominide 13147 punti

Asia sudorientale

Tra l'Oceano Indiano e l'oceano Pacifico si estende un arco di terre, grandi isole e arcipelaghi che, come un ponte immenso, collega il continente asiatico all'Australia. E' l'Asia sud-orientale, un affascinante intreccio di mare e di terra, coperto di foreste pluviali, battuto dai venti monsoni che modellano il clima, facendo si che una stagione piovosa e umida si alterni regolarmente con una fresca e secca. Una parte di questo "ponte" è saldamente agganciata alla terraferma asiatica: le catene montuose che si diramano dall'Himalaia penetrano a raggiera in questa grande propaggine del continente, che ospita gli Stati di Myanmar (Birmania), Thailandia, Laos, VietNam, Cambogia. G
randi fiumi come il Mekong (in Viet Nam) e moltissimi fiumi minori (come il Kwai in Myanmar) irrigano vaste e fertili pianure, verdeggianti di piantagioni di riso. L'abbondanza di un clima caldo e umido, le piogge frequenti e corsi d'acqua hanno ammantato le terre dell'Asia sud-orientale di foreste pluviali rigogliose e ricche di legname pregiato, come il teak, l'ebano, il palissandro, il mogano. Le guerre e l'opera dell'uomo, che ha dissodato i terreni anche con gli incendi per ricavare terra da coltivare, hanno ridotto l'estensione della foresta, che ancora oggi, però, custodisce le sue fantastiche creature, come il pipistrello più piccolo del mondo e la raflesia, una pianta che produce fiori larghi 1 m e pesanti 6 kg. La foresta tropicale brulica di vita: basti pensare che vi crescono almeno 5.000 tipi di variopinte orchidee.

Luoghi sacri

Le offerte dei fedeli hanno permesso di costruire l'immensa statua del Buddha lunga 70 m, ricoperta di foglie d'oro e d'argento, che riposa pensosa nel padiglione della moderna Pagoda di Kyauk Htat Gyi, nel cuore di Rangoon, la capitale politica e religiosa di Myanmar. Oggi Rangoon (il cui nome, in birmano, è Yangon) è una metropoli di circa 3.000.000 di abitanti, adagiata in un'ansa del fiume omonimo, a 30 km dal mare. E' circondata da una serie di canali navigabili ed è un grande porto fluviale: il maggiore polo commerciale del paese.
Ma, in origine, qui pulsava il cuore religioso di Myanmar. Su una collinetta sorge infatti la Pagoda di Shwedagon, meta di pellegrinaggi da ogni parte del paese, dove il cuito di Buddha è profondamente radicato. Intorno alle altre numerose pagode, si spalancano i bazar all'aperto: qui si trovano argenterie, strumenti musicali e statuette in legno e in avorio che rendono felici i collezionisti. La pagoda di Shwezigan, con una campana coronata dal hti, il sacro ombrello che sovrasta un luogo sacro, si trova a Nyaung U, vicino alla città sabra di Pagan, che oggi conserva solo 2.000 dei 13.000 santuari un tempo sparsi nella pianura. Ricordiamo anche la pagoda della capitale, la Pagoda di Sule: un tempio alto 40 m, tutto ricoperto d'oro, costrutito 2.200 anni fa.

Hai bisogno di aiuto in Geografia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email