pser di pser
Ominide 5819 punti

Immanuel Kant: la vita

Kant è di sicuro uno dei personaggi che maggiormente ha caratterizzato la storia della filosofia, insieme ad altri illustri suoi predecessori come Platone e Aristotele, in particolare perché ha cambiato in modo pesante il modo di intendere molte cose riguardanti la filosofia: nasce a Konigsberg, l’attuale città russa di Kalinigrad, il 22 aprile 1724, da una famiglia della media borghesia, nella Prussia orientale. Anche quando divenne celebre dopo la pubblicazione di alcune delle sue opere principali soprattutto la prima critica, fu invitato in molte città prussiane come Jena, Francoforte e Berlino, ad insegnare ma decise di non muoversi mai dalla sua città continuando ad insegnare filosofia e geografia nell’università locale, parlando geograficamente di tutto il mondo conosciuto senza mai allontanarsi dalla sua città: egli era molto preciso e metodico, tant’è che viene riportato un esempio aneddotico e molto significativo riguardante la sua precisione quasi maniacale: si racconta infatti che egli era solito ripetere gli stessi gesti ogni giorno e che gli abitanti di Konigsberg erano soliti mettere a posto l’orologio badandosi sulla camminata quotidiana delle cinque del filosofo. Questo tratto della sua personalità non deve essere una mera curiosità ma fa invece capire l’impostazione chiara e precisa che il filosofo usò anche all’interno delle sue opere, con un pensiero sempre schematico con nessuna parte delle sue dottrine senza una spiegazione.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email