Ominide 4103 punti

Principi pedagogici di Rousseau

Le idee educatrici di Rousseau sono espresse soprattutto nell’Emilio, un’opera che ha esercitato una grande influenza su tutta la pedagogia moderna e contemporanea.
Egli, ammettendo che la natura è buona e che la civiltà è corruttrice, enuncia il principio dell'educazione negativa-indiretta secondo il quale il fanciullo deve svolgersi spontaneamente in conformità alle proprie leggi costitutive senza subire l'intervento e l'influenza dell'educatore: il maestro ha il compito di vigilare e di favorire questo sviluppo libero della natura umana, che di per sé è buona, e non deve perciò forzare o alterare il processo semplice e spontaneo che avviene gradatamente per autoformazione.
Inoltre l'educazione deve avvenire a contatto con la natura, ossia nella campagna, tra i boschi,lontano dalla società che corrompe, in relazione immediata con le cose, che abituano ad accettare le leggi naturali ed a limitare i propri desideri, e che, nello stesso tempo, sviluppano le capacità del bambino, il quale si forma mediante l'esperienza diretta. In questo modo l'individuo si sviluppa naturalmente ed una tale educazione degli uomini conduce al rinnovamento della società.

Scrive nell'Emilio: "Tutto è bene uscendo dalle mani dell'autore delle cose, e tutto degenera nelle mani dell'uomo".

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email