pexolo di pexolo
Ominide 10532 punti

Il capitale


Analisi del capitalismo e dei suoi mali, sistema che pone il denaro come fine.

L'origine del surplus

Innanzitutto afferma che il valore non è il prezzo di un prodotto, ma è duplice, quello d'uso (come viene impiegato) e quello di scambio, stabilito nel momento della produzione, è dato dal lavoro socialmente necessario per produrre il prodotto. Marx considera feticismo delle merci la teoria degli economisti classici, poiché guardano le merci come oggetto in sé anziché come il risultato di un lavoro. Il plus valore deriva dal plus lavoro degli operai nel momento della produzione, questo è possibile da due punti di vista: quello quantitativo, cioè attraverso il sottopagare l'operaio, quello qualitativo, cioè attraverso un salario di sussistenza che consente di considerare merce l'operaio pagandolo tanto quanto basta per continuare a lavorare, tuttavia egli è una merce particolare in quanto produce un valore che non è il suo, ma del capitalista. Il profitto non coincide, tuttavia, con il plus valore poiché a quest'ultimo vanno tolti tutti gli investimenti che il capitalista è costretto a fare.

Forme di capitale

L'imprenditore ha delle spese variabili, come il salario (può aumentare o diminuire il numero dei dipendenti secondo la necessità), che definisce capitale variabile; questo può variare a seconda di quanto egli abbia investito in macchinari, di cui la fabbrica necessita per funzionare più efficacemente e per essere competitiva, o in materie prime, che egli definisce capitale costante.
Hai bisogno di aiuto in Filosofia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove