Ominide 646 punti

Locke

A livello politico-economico è liberista e si scontra con Hobbes.
Secondo Voltaire, Locke è padre dell’Illuminismo, perché filosofa con la stessa accuratezza con cui operava.
Locke era un medico/chirurgo.
“Dopo tanti pensatori che avevano composto il romanzo dell’Anima, un Saggio (prova)(1690) che ne ha fatto modestamente la storia”. Quando Locke scrisse il ‘Saggio sull’intelletto umano’ è con un gruppo di amici a parlare di tutt’altro. Quando si trovano a discutere le varie esperienze non trovano accordo (pluralismo). Perciò bisognava prima analizzare le capacità proprie della mente umana. Da qui ha inizio della critica gnoseologica (limiti e possibilità dell’intelletto umano).
La vena scettica attraversa la mentalità, l’Inghilterra perché più aperta a relativismo e pluralismo. Cosa può conoscere l’uomo? Che cosa si può ricavare dalla storia dell’intelletto umano? Ricreare il percorso ‘genetico’, rintracciare la storia di come si vengono a produrre le conoscenze umane.

Locke afferma: “ La storia è: niente è nell’Intelletto che prima non sia stato nei sensi”.
Solo tramite l’esperienza sensibile si producono quegli atomi che poi coagulano molecole conoscitive.
Le idee innate non esistono e solo l’empiria è alla base della genesi di ogni conoscenza.
La ragione lavora sulle informazioni esterne, non è infallibile, non è uguale per tutti, e non può produrre idee da sé.
Causalità: antipodi di Platone; Iperuranio (idee perfette e pure) , ossia il contrario del Mondo sensibile (copia/partecipa all’essere puro). È univoca perché l’Iperuranio è causa del mondo sublunare, ma non il contrario.
Per Locke è il percorso opposto; l’empiria crea l’idea, ossia il prodotto attivo della nostra mente che elabora immagini mentali, relazione tra fenomeno e soggetto.
Quali sono gli atomi del pensiero? Le idee semplici che passivamente l’Intelletto riceve materiale empirico (informazione esterna).
La riflessione è un primo elementare riflettersi dell’intelletto circa questa situazione interna → forma passiva di idea.
Colui che si ferma a questo punto viene definito incapace di ragionare.
Le idee complesse sono strutture molecolari: intelletto diventa attivo, coagula idee semplici. Si possono avere tre macrogruppi : Modo, sostanza, relazione.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email