Ominide 12 punti

Galileo Galilei - La vita e le opere

Galileo Galilei nasce a Pisa nel 1564. Il padre è musicista, e per questo motivo Galileo si appassionerà al Metronomo; successivamente farà la scoperta della legge di gravità. E' considerato il padre della scienza moderna per la sperimentazione. A partire dal 1623 sceglie di non scrivere più le sue opere in latino. In quel periodo il latino era la lingua più usata nel mondo. Egli fa questa scelta, perché è dell'opinione che la scienza debba essere accessibile a tutti. Egli scrive un'opera nel 1623: "Il Saggiatore", in cui usa il volgare per diffondere la scienza. Viene chiamato a lavorare presso l'università di Padova, dove entrerà in contatto con degli ingegneri navali olandesi che gli procureranno le lenti bifocali e da queste inventerà il cannocchiale.

Nel 1610 scrive il "Sidereus Nuncius", ovvero l'"Annuncio Stellare", in cui Galileo parla di Giove e dei suoi quattro satelliti, osservati grazie al telescopio. Dedica la scoperta dei quattro satelliti alla famiglia De Medici. Ancora oggi questi satelliti sono chiamati Medicei. Inoltre egli afferma di aver osservato delle macchie sul sole (che in quell'epoca rappresentava Dio) e questo lo porrà in contrasto con la Chiesa e la Santa Inquisizione. Il duca di Toscana lo fa diventare primario di matematica e fisica nel ducato di Toscana per ringraziarlo per aver dedicato l'opera a Cosimo de Medici.
Nel 1616 inizia lo scontro con la Chiesa, in particolare con i gesuiti. Il filosofo invia una lettera a Benedetto Castelli (gesuita che si occupava di scienza) spiegando il suo punto di vista, ovvero che la scienza non è in contrasto con la religione. Galilei è religioso e esplica la sua fede in vari punti:
- LE SACRE SCRITTURE: la Bibbia, un libro metaforico che vale nel tempo(valeva nel passato, vale nel presente) e nello spazio (in ogni luogo) e da interpretare;
- LA NATURA HA LE SUE LEGGI e la scienza cerca di capirle, verificandole attraverso l'esperimento;
- SIA LE SACRE SCRITTURE CHE LA NATURA SONO OPERE DI DIO, perciò chi cerca di capire come funziona la natura non va contro Dio, ma cerca di decifrare la sua parola;
Nel 1616 la Chiesa lo avverte in merito alla pubblicazione di opere contrarie ad essa. Galileo effettua degli studi sulle comete. Nel 1632 scrive "Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo" in lingua volgare. I protagonisti sono:
- Salviati, un suo amico che diventa un personaggio che esprime la posizione del sistema eliocentrico-tolemaico;
- Simplicio, che esprime la posizione del sistema aristotelico-tolemaico;
-Sogredo, arbitro neutrale dietro il quale si nasconde Galileo.
Perché la forma è quella del dialogo? Perché vuole che la scienza diventi patrimonio dell'umanità. Se avesse scritto un testo scientifico lo avrebbero letto solo gli scienziati. Galilei usa il volgare e si rivolge a un pubblico referente, ovver a tutti coloro che sanno leggere e scrivere. Siccome l'opera è stata resa pubblica, deve essere smentita pubblicamente. Galilei è costretto dalla Chiesa ad abiurare, probabilmente per salvare le sue opere. Il filosofo muore ad Arcetri nel 1642.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove