Fichte - Dottrina della scienza

La scienza è come un edificio, fichte vuole trovare le fondamenta che devono essere indimostrabili e certe così che tutto ciò che deriva da esse sia certo--> principio primo

Da cosa si parte? Esperienza, l uomo non ha nient altro, però può riconoscere che:
Esperienza = intelletto + cosa
L uomo deve scegliere uno dei due perché solo uno può essere il principio primo, se sceglie il primo è un idealista se scioglie il secondo é un dogmatico. solo questi sono i sistemi di filosofia possibili. Come faccio a scegliere senza perdere il mio io??
Tramite la mia libertà di pensiero che è giustificata dal mio interesse/ inclinazione per l idealismo o per il dogmatismo/ quel che si é come uomo
Dogmatici- il loro interesse è la fede nelle cose --> quindi sono anche fatalisti (pensano che l io sia solo un accidente del mondo e che non sia protagonista degli eventi) e materialisti. Uomini fiacchi

Idealisti - per loro l intelletto è attivo (in quanto lo considerano principio primo) e la cosa è nulla. L intelletto è un agire. Ha la funzione di unificare l essere e il vedere. Per chi é l intelligenza? Per l intelligenza.

Tre principi della dottrina della scienza
Si basano sull idea del pensiero come attività libera
1) L’io pone se stesso
A=A principio di identitá di Aristotele
Bisogna porre che A ci sia e questo lo fa l io
Quindi l io va prima dell identitá
A=A perché Io sono Io,
Io= spirito umano io=singolo individuo
È diverso dall io di Kant che ha solo funzioni logiche, ma ha un valore ontologico ( è un essere e si autopone)
2) all’io è contrapposto un non io
A è diverso da -A
Questo si basa sul fatto che l io si oppone al non io. Questa opposizione è resa possibile solo con la posizione dell io.

L autoporsi del non io non è subordinato a quello del io, ma sono co originari (hanno la stessa origjne, l io)
Il non io ha caratteristiche opposte all io
L io è in continua lotta con il non io, che sono degli ostacoli strutturali che si oppongono all io.
3) L’io contrappone nell io a un io divisibile un non io divisibile
Come posso pensare insieme A e -A senza che si annullino? Si limiteranno a basta, cioè si annullano solo in parte--> divisibilitá
Da questo principio possiamo ricavare la divisione del sapere in due parti:
Teoretico e pratico

Pratico --> l uomo nella sua vita supera tanti ostacoli, tanti non io. L io ha bisogno di qualcosa che si oppone per poter esercitare la propria libertà

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email