Ominide 4103 punti

Condillac - Sensismo

Etienne Bonnot de Condillac riprende la dottrina di Locke e la sviluppa con l'intenzione di spiegare in quale modo si formi l'esperienza e di dimostrare che tutte le attività dell'uomo, compresa la riflessione, derivano dal senso e sono sensazioni trasformate. Infatti egli afferma che l'attenzione è sensazione intensa, tanto da escludere le altre; che la memoria è sensazione conservata; che il giudizio è comparazione di due o più sensazioni; che la riflessione è capacità di rivolgere l'attenzione ad una o ad altra sensazione; che il desiderio è sensazione gradevole; che la passione è persistenza di sensazioni.
Per dimostrare che lo spirito dell'uomo è tabula rasa e che la conoscenza ed ogni attività umana hanno origine dal senso, egli ricorre al famoso esempio della statua, costituita strutturalmente nell'interno come un uomo e ricoperta esternamente di marmo: essa è priva dell'uso dei sensi finché questi non siano aperti nella crosta marmorea. Alla statua, con la pratica di un foro nel marmo, viene destato per primo l'olfatto, il più semplice ed il meno importante fra tutti i sensi, e le viene fatta odorare una rosa. Tale impressione olfattiva permette lo sviluppo delle attività psichiche della statua: essa rivolge l'attenzione a quel profumo e crede di essere ella stessa quell'odore.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email