pser di pser
Ominide 5819 punti

PROUDHON

Pierre Joseph Proudhon è stato il vero fondatore e padre teorico del movimento anarchico, ma anche grande esponente del socialismo: il movimento anarchico trae le sue origini non solo dalla Rivoluzione industriale che ha sollevato come non mai la problematica riguardante la questione operaia, ma anche dalla rivoluzione francese ed quindi il primo esponente di tale movimento sia francese.
Tra le affermazioni più importanti di Proudhon di sicuro rientra la sua opinione sulla proprietà, che non è nient’altro che un furto, tant’è che l’opera principale di Proudhon s’intitola appunto “ Che cos’è la proprietà?” il motto più celebre e per cui Proudhon è rimasto famoso è destruam et aedificabo, distruggerò e costruirò in cui si vede come l’anarchia non nasce con l’intento di annientare, anche tramite azioni violente, l’ordine preesistente, ma nasce con un fine costruttivo: dalle ceneri, infatti, può facilmente germogliare qualcosa di autenticamente nuovo. Da ciò si capisce come l’anarchismo non può e non deve essere identificato con il nichilismo più totale, ma anche esso è ordine ed armonia. Infine secondo Proudhon il fine ultimo del movimento anarchico non sia nient’altro che l’individuo ed il suo benessere, che può essere ottenuto solo attraverso delle azioni esemplari che portino ad un mutamento delle inaccettabili condizioni di vita nelle fabbriche.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email