pexolo di pexolo
Ominide 9189 punti

Etica del futuro


Abbiamo bisogno di un’etica del futuro perché abbiamo acquisito una potenza tale che le azioni che compiamo oggi hanno conseguenze anche nel lontano futuro, sia dal punto di vista ambientale, sia dal punto di vista delle generazioni successive, della nostra capacità di programmarle. Questa etica, secondo Jonas, dev'essere un’etica della responsabilità, perché dobbiamo rispondere delle nostre azioni anche nei confronti di persone che non esistono ancora; è un’etica della responsabilità sbilanciata verso il futuro a lungo termine. Le nostre democrazie saranno in grado di assumersi una tale responsabilità a lungo termine? Secondo Jonas no, perché chi vuole essere nuovamente eletto deve soddisfare i bisogni immediati della gente: fare progetti a lungo termine significa spesso scontentare gran parte degli elettori.

Euristica della paura


Per Jonas, dobbiamo sopravvalutare i pericoli a cui potrebbero esporci le innovazioni tecnologiche. Dobbiamo cioè badare più ai pericoli che ai benefici attesi, perché l’applicazione sfrenata di una tecnologia ci condurrà a situazioni irreversibili, in cui la vita così come la conosciamo diverrà per molte specie impossibile e non si potranno ripristinare le situazioni di prima. Un’etica della responsabilità deve fondarsi sulla grande attendibilità nella previsione dei rischi, nel sopravvalutare i rischi rispetto ai benefici.
Hai bisogno di aiuto in Filosofia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Come fare una tesina: esempio di tesina di Maturità