Roua_00 di Roua_00
Ominide 77 punti

Eraclito, filosofia greca antica


Eraclito (550-480 a.C.) nacque in una famiglia nobile ad Efeso, colonia ateniese che si trova sulle coste dell’Asia minore (attuale Turchia).
Le narrazioni leggendarie sostengono che egli fosse un uomo superbo, altero, chiuso e che criticasse i costumi, perciò non prese mai parte attiva alla politica e alla vita sociale. Visse in isolamento al tempio di Artemide, decidendo così di uscire definitivamente dal sistema sociale; durante il suo autoesilio Eraclito si cibò di erbe, morendo così nel 480 a.C. circa di idropisia (eccesso di liquidi nelle cavità corporee).
Eraclito distingueva principalmente due tipi di uomini: -filosofo (sveglio)
-uomo comune (dormiente)
Gli uomini appartenenti alla categoria del “filosofo” sono uomini svegli, capaci di interrogarsi, di chiedersi il perché delle cose, essi vanno oltre l’immediata apparenza e riflettono in solitudine. Gli uomini appartenenti alla categoria dell’ “uomo comune” sono uomini dormienti, in uno stato di incoscienza e non usano il proprio intelletto.
Eraclito fu il filosofo del divenire (“panta rei” ossia “tutto scorre”), egli sosteneva che la forma dell’essere fosse il divenire. Nella concezione eraclitea, il mondo è un flusso perenne e tutto è infinitamente continuo, niente è statico in natura. In un frammento di un’opera si può leggere :”Non è possibile discendere due volte nello stesso fiume, né toccare due volte una sostanza mortale nello stesso stato, per la velocità del movimento, tutto si disperde e si ricompone di nuovo, tutto viene e va”.
Secondo Eraclito, l’archè, ossia il principio primo, è il fuoco, il quale è l’elemento mobile e distruttore per eccellenza e rappresenta il cosmo, in quanto è energia in continua trasformazione. Nella sua visione, Eraclito sosteneva una teoria dei contrari, secondo la quale il mondo è un immenso teatro di conflitti, di opposizioni; queste opposizioni sono necessarie e ineliminabili, l’armonia è data dal contrasto degli opposti, ma nessuno dei due contrari vince sull’altro, l’armonia è dinamica ed è data dal mantenimento del conflitto. Eraclito traduce l’inscindibilità dei contrari con il termine logos, il fuoco è il principio fisico che costituisce le cose, mentre il logos è la legge universale che le governa.
Hai bisogno di aiuto in Filosofia Antica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email