Democrito nasce ad Abdera, in Tracia, nel 460 a.C. e si dice che nella vita era affiancato da un filosofo minore chiamato Leucippo. Nella sua vita girò molto nell'Ellade (Grecia) e nel Nord Africa, si interessa non solo della filosofia, ma anche della medicina, della scienza, dell'etica, della musica, della fisica e della biologia. Secondo lui non esisteva l'infinito e tutta la materia circostante era formata da atomi, che secondo lui formavano i mattoni dell'essere. Gli atomi secondo lui erano un qualcosa di piccolissimo e indivisibile, che non hanno qualità se non in campo quantitativo e si differenziano tra loro grazie a forme geometriche diverse, le quali non erano percettibili dai 5 sensi umani ma bensì dalla logica e che a forza di aggregarsi nel vuoto che li circondava formavano tantissimi aggregati diversi in completa casualità. Pure lui, come altri filosofi precedenti, affermò delle cose riguardo l'astronomia e infatti secondo lui esistevano tanti pianeti simili alla Terra. Inoltre introdusse il meccanicismo, cioé l'essere è caratterizzato dalla natura. Quindi pone l'oggettività negli atomi e la soggettività nel soggetto che, grazie ai 5 sensi, non aveva mai un'ideologia oggettiva. Nel suo pensiero filosofico la conoscenza sensoriale viene considerata un qualcosa di oscuro, anche se secondo lui la conoscenza dei 5 sensi genera la conoscenza della ragione. Secondo il suo pensiero il noùs, cioé l'intelligenza ordinatrice, era alla base della ragione umana, era l'anima della persona e pure l'astratto era sotto il potere della ragione umana. Democrito dice anche che pure l'anime delle persone erano composte da una particolare tipologia di atomi, i cosiddetti atomi psichici, dando pure all'anima una figura mortale. La religione era la paura del vivere e successivamente pure una superstizione divenne una religione per Democrito, cioé il senso della provvidenza e quindi il miglioramento e l'andamento del progresso umano. Per lui era più conveniente che gli uomini faccino più conto dell'anima propria che dei beni materiali personali. Democrito era anche un cosmopolita, quindi essenzialmente voleva che la pace governasse tra gli uomini di tutto il mondo. Tutto ciò che avveniva in natura secondo la sua filosofia era necessario, per questo questa filosofia era priva di sperimentazioni.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Antica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email