Ominide 2630 punti

Anassimandro di Mileto

Anassimandro di Mileto, come Talete, era un filosofo naturalista vissuto nel 500 aC.
Contrariamente a Talete (che voleva l'acqua come unico elemento fondamentale) però pensava che tutti gli elementi della natura fossero importanti.
Per Anassimandro infatti l'"arche" era 'insieme di tutti questi elementi, chiamato "Apeiron".
L'Apeiron aveva due caratteristiche principali:
- era indeterminato e senza una vera e propria definizione;
- era una sostanza indefinita dalla quale si sono differenziati i quattro elementi che noi oggi distinguiamo.
Il filosofo per la prima volta tenta di andare oltre a ciò che si vede.
Inoltre, per Anassimandro la Terra era un cilindro collocato nello spazio, mentre per Talete era posizionata sull'acqua.
Anassimandro e Talete intuirono infine la teoria evoluzionistica, secondo la quale l'uomo deriva dai pesci e quindi dall'acqua e dalla natura.

Anassimene di Mileto

Altro importante filosofo del 500 aC è Anassimene di Mileto: per lui l'arche era l'aria perchè, se essa non ci fosse, l'organismo morirebbe.
L'aria viene chiamata Pneuma, soffio vitale, che permette i processi fisici della condensazione e della rarefazione.
Un filosofo italiano del '900, Ludovico Geymonat, sostenne che Anassimene avesse intuito come si doveva studiare la natura: secondo le leggi fisiche.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Antica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email