Ominide 8039 punti

L’argento (Ag), di colore caratteristico, lucentissimo; molto duttile e malleabile; è ottimo conduttore di elettricità; imbrunisce all’aria per formazione di solfuro.
Si trova sia allo stato naturale, sia combinato in alcuni minerali (galena) e si impiega in gioielleria, posateria, farmacia, nel conio di monete e per argentatura. Non viene mai usato puro perché è troppo tenero; ma viene sempre legato con oro o rame. A questo proposito bisogna ricordare che gli oggetti d’argento devono avere per legge impresso il titolo e il marchio del fabbricante. I titoli legali sono 800/1000 e 925/1000.
L’oro (Au), di colore giallo rossastro, ha viva, inalterabile lucentezza; è molto tenero; duttile; estrema- mente malleabile; ottimo conduttore di calore e di elettricità.
Si trova quasi esclusivamente allo stato nativo in filoni o in sabbie.
E impiegato in gioielleria, coniatura di monete, protesi dentarie, filatura di tessuti e ricami preziosi, oltre che in farmacia, in fotografia e per dorature. Anch’esso si usa esclusivamente in leghe il cui titolo può esprimersi in millesimi o in carati. L’oro puro è a 24 carati. Titoli comuni sono i 18 carati (18 parti di oro fino su 24 di lega) e i 14 carati (14 parti d’oro su 24 di lega). I titoli legali in Italia sono espressi in millesimi: 750, 585, 500 millesimi.

Il platino (Pt), di colore bianco-argenteo; lucente; inalterabile all'aria è il più duttile dei metalli ed assai malleabile. Si trova quasi esclusivamente allo stato libero in giacimenti alluvionali e si impiega in gioielleria, in odontoiatria, nell’industria chimica e nella fabbricazione di apparecchi e strumenti di precisione.

Hai bisogno di aiuto in Educazione Tecnica per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email