Video appunto: Tifo - Importanza sociale

Il tifo



Per tifo si intende un comportamento abnorme, diverso dal semplice parteggiare per questo o per quello, e la cui etimologia greca della parola che richiama la parola “febbre” e che indica un sostegno entusiastico per una squadra o un personaggio e uno stato emotivo che dipende dal risultato agonistico.
Esso dipende da quanto lo sport è oggettivo -in quanto non ci si può sentire così profondamente coinvolti e scaldarsi oltre misura in uno sport in cui tutto è chiaro, chi vince merita di vincere e ci si basa su dati oggettivi e precisi che non lasciano spazio ad obiezioni e proteste- e da quanto lo sport è di squadra -in quanto è più facile identificarsi con una squadra mentre è meno immediato immedesimarsi, e la presenza quindi di un grande tifo, per un campione infatti di solito anche nello sport individuale il tifoso tende a costruire comunque una sua “squadra” di cui si sente di far parte anche se il processo non è del tutto automatico come per gli sport di squadra e pertanto ne consegue che senza una “squadra” il tifoso non può esultare o sentirsi pienamente parte-. La definizione del tifo è quindi polivalente e ha assunto nel corso degli anni caratteri diversi diffondendosi nel mondo con aspetti differenti, organizzati o non, civili o addirittura, seppur in non poche circostanze, violenti.

Forma di supporto



Il tifo può diventare una forma di supporto, sfrenato e accesso ma per nulla incivile e irrispettoso; un esempio è costituito dall’Inghilterra (soprattutto rugby e tennis) dove, “complice” una cultura sportiva che dopo i negativi anni degli Hooligans ha nettamente mutato direzione, esso è una forma di sostegno vivo e tangibile e anche negli States (soprattutto nel basket e nel baseball) si respira un’atmosfera quasi “religiosa”. Il tifo coinvolge e talvolta aiuta l’atleta nella prestazione e non si può escludere che incida parecchio sul gioco di una squadra l’avere il supporto del proprio gruppo di tifosi al completo.

Fenomeno sociale



Quella del tifo è una vera e propria cultura che può essere, così come lo sport stesso, carica di virtù a patto di eliminare ogni forma di violenza e di ostilità. Il tifo costituisce inoltre un forte momento di unità e di spersonalizzarsi in una squadra e di illusione di farvi parte e favorisce la socializzazione con gli altri tifosi.

Forma di intrattenimento



Il tifo può diventare il momento in cui si manifesta, per via dell’adrenalina scatenata dal coinvolgimento diretto del pubblico, di discipline estremamente ‘godibili’.

Forma di indicatore esistenziale di sopravvivenza



Il soggetto, che magari ha una vita comunque soddisfacente ma non eccelsa, non ha oggetti d’amore che riempiono la sua vita e per provare emozioni positive si rivolge ad altro. Il tifoso arriva a mentire a sé stesso convincendosi di aver partecipato a qualcosa di grande, di aver vissuto un grande dramma o un grande sogno e può per questo gioire e soffrire assieme alla propria squadra, alle sue vittorie e alle sue sconfitte, uscendo in questo modo per un momento dalla sua mediocrità e dalle sue insoddisfazioni esistenziali.