Video appunto: Sistemi energetici muscolari

I sistemi energetici muscolari



Per svolgere qualsiasi tipo di movimento serve energia, in particolare di quella che si ottiene dalle molecole di adenosinatrifosfato.
L’ATP contiene tre elementi: adenina, ribosio e tre molecole di fosfato inorganico.
L’energia si crea dalla rottura dei legami fosforici: essi sono infatti altamente energetici e, dopo questa rottura, l’ATP diventa ADP, adenosindifosfato (con solo due gruppi fosfato).

Ma l’ADP non può rimanere sempre così, serve che torni ad avere tre gruppi di fosfato,e ciò può avvenire attraverso tre meccanismi:
- meccanismo aerobico (o ossidativo)
- meccanismo anaerobico lattacido (o sistema glicolitico)
- meccanismo anaerobico alattacido (o sistema ATP-PC)

Il meccanismo aerobico non è altro che il processo della respirazione cellulare, attraverso cui l’ossigeno fa bruciare i substrati di glucidi, grassi e proteine alla cellula muscolare producendo acqua, anidride carbonica e ATP, inoltre da una molecola di glucosio si risintetizzano 38 molecole di ATP.

Il meccanismo anaerobico lattacido permette di ricavare l’ATP dall’idrolisi del glucosio, dopo 12 reazioni chimiche da una molecola di glucosio si ottengono due molecole di ATP.
Con questo meccanismo si ottiene l’ATP dalla demolizione parziale del glucosio e senza l’utilizzo di ossigeno: utilizza di conseguenza solo le scorte di carboidrati presenti nell’organismo. Glucosio e glicogeno vengono demoliti da una serie di reazioni accelerate di enzimi fino a quando non producono acido lattico, da cui poi si ricava il nome di questo meccanismo.

Il meccanismo anaerobico alattacido è il meccanismo che permette la più veloce e semplice modalità di rispinto delle molecole di ATP. Esso si basa sull’utilizzo della fosfocreatina (PC), molecola altamente energetica presente nella miofibrilla, che rilascia una grande quantità di energia facendo cadere la propria molecola di fosfato che si legherà poi a quella di ADP formando così l’ATP. Quindi: PC → C+Pi → Pi+ADP → ATP.
Queste reazioni avvengono sia in assenza di ossigeno che di acido lattico grazie a particolari enzimi che permettono di velocizzare ogni singola reazione. Le riserva di PC presente in tutto l’organismo (circa 120g) essa necessita circa 5 minuti per rispintarsi.
Questo meccanismo viene usato solitamente durante attività di intensità alta e durata per lo più breve: fornisce grandi quantità di energia, ma di scarsa capacità, ossia si esaurisce nel giro di pochi secondi.