El_Debs di El_Debs
Erectus 816 punti

Colori acrilici e varietà

Da quando c’è l’introduzione del colore acrilico, il mercato dei colori va sempre in crescita e viene enormemente ampliato. Si passa a tonalità luminose fino a quelle fredde. Quasi ogni mese appaiono in commercio nuovi colori che consentono di lavorare con le più moderne abilità pittoriche, come ad esempio l’aerografo, oppure vi sono colori fluorescenti o colori che asciugano con dei riflessi metallizzati.
Essi si aggiungono all’acqua ed essi si addensano rapidamente. I colori acrilici sono creati da moltissimi produttori di fama mondiale e si asciugano in poco tempo in base allo strato di colore.
Mentre come supporto possiamo utilizzare:
• Tela
• Muro
• Cuoio
• Legno
• Carta
• Plastica.
I colori acrilici utilizzati direttamente dal tubetto, una volta che si sono asciugati si presentano molto opachi, mentre per renderli brillanti, bisogna applicare un gel o una vernice brillante, ma questo è consigliato specialmente quando si dipinge con sottilissimi strati di colore. Se invece si mescolano con l’acqua, risulteranno più fluidi e più maneggevoli per lavorarci.
Per opacizzare invece, si diluisce al colore brillante del colore opaco, ovviamente in parti eguali. Entrambe le sostanze asciugano velocemente, per cui è consigliato lavare subito il pennello utilizzato.
Con l’inserimento dell’addensante, i colori diluiti con l’acqua, riacquistano la loro primordiale compattezza, però si asciugheranno in modo molto lento.
Inoltre, è presente nel mercato, una sostanza gelatinosa che si diluisce con i colori acrilici rendendo forte il fissaggio, senza alterarne la tonalità.
I colori acrilici si possono aggiungere a diverse varietà: acqua, gel, vernici, addensanti e sostanze gelatinose.
I colori acrilici, posso essere utilizzati davvero su qualsiasi supporto. Si può godere di un ampio rifornimento:
• Carta
• Cartone
• Legno
• Tela
• Stoffa
• Cartoncino
Quando si dipinge con i colori acrilici, sulle superfici assai assorbenti come ad esempio il cartone, bisogna stendere più passate di colore, in modo tale che quest’ultimo si veda molto bene.
I leganti di resina sintetica e acrilica realizzano uno sfondo trasparente e tali prodotti si possono trovare nei colorifici o nei negozi artistici. Chi preferisce lo sfondo bianco, può comprare un bianco acrilico da stendere come prima mano, però stendere uno strato sottile attenua il colore dello sfondo, ma più strati sovrastanti creano una bella superficie bianca luminosa. Molti artisti adoperano come base una pittura ad acqua di colore bianco, che poi si può sfumare con i colori acrilici.
Degli ottimi supporti sono i pannelli di fibre dure, creati da fibre e trucioli pressati e incollati grazie a una macchina che realizza dei pannelli con uno spessore che vanno dai tre ai cinque millimetri, chiamati MDF. I pannelli di fibre dure sono adoperati anche per la realizzazione di mobili, ad esempio, per degli armadi.
Invece, per dare allo sfondo una struttura delicata, bisogna adoperare sulle stoffe, le quali hanno una vastissima varietà. Bisogna ricordare che alla stesura del colore, questo materiale perde la sua elasticità. Per lavorarci su, per prima cosa bisogna rivestire il pannello di legno con del tessuto desiderato così si lavora meglio e senza tirare ogni qualvolta la stoffa per farla rimanere ferma. Per cui si traccia sulla stoffa le dimensioni del pannello, aggiungendo su ogni lato almeno dieci o quindici centimetri per il risvolto, facendo molta cautela agli spigoli del taglio poiché devono essere equivalenti al drittofilo. Si distende così la stoffa sulla superficie piatta del pannello e si distende di colore acrilico.
Hai bisogno di aiuto in Educazione Artistica per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email