Ominide 2487 punti

Umberto Boccioni: La città che sale

La grande tela intitolata "La città che sale" è dedicata al lavoro e al progresso sociale. Probabilmente Boccioni si ispirò ai giganteschi lavori di trasformazione della periferia di Roma, in occasione della grande Esposizione che si sarebbe tenuta nel 1911, per il cinquantenario dell'Unità d'Italia.
Il pittore vuole restituirci l'affetto di frenesia di un moderno cantiere edile: i muratori diritti sulle impalcature, i carrettieri che a sento tengono a freno i loro impetuosi cavalli da tiro. Sullo sfondo si vedono alcuni simboli della città: da un tram elettrico che corre su un ponte e le ciminiere di una fabbrica.
Boccioni non delinea chiaramente le singole figure, anzi le sovrappone, le incastra una sull'altra come se si trattasse di visioni simultanee.

La prospettiva centrale è abolita, uomini e cose sono visti da diverse angolazioni come se lo spettatore fosse immerso direttamente in quella confusione. Per rendere ancora più vibrante l'effetto d'insieme, l'artista usa la tecnica divisionista, scomparendo ogni figura in tante pennellate che creano sulla tela dei vortici colorati.
DATA: 1910-1911
TECNICA: Olio su tela
DIMENSIONI: 199,3x301 cm
COLLOCAZIONE: New York, Museum of Modern Art

Hai bisogno di aiuto in Educazione Artistica per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email