Ominide 178 punti

L’ Arte greca

Dall’osservazione della natura gli artisti greci ricavano regole e principi di equilibrio e proporzionalità.
La città nell’antica Grecia era divisa in due parti:
- la città bassa dove i greci vivevano e lavoravano;
- La città alta dove vi erano gli edifici di culto (tra cui il tempio);
Il tempio è la casa della divinità protettrice della città. Ha una pianta rettangolare circondata da una o più file di colonne che poggiano su un basamento al quale si accede tramite una gradinata. La statua della divinità è custodita all’interno di una cella preceduta da un vestibolo e talora seguita da un altro vano. L’accesso è consentito solo hai sacerdoti e le cerimonie si svolgevano all’esterno.
Il tempio è costruito secondo un sistema trilitico, basato cioè su tre elementi verticali (colonne) che reggono una struttura orizzontale (trabeazione) composta da un architrave e da un fregio decorativo. I due lati corti (facciate) sono coronati dal frontone triangolare che racchiude il timpano spesso arricchito da sculture in altorilievo o a tuttotondo.

I colori erano vivaci (dei dipinti e delle sculture che ornavano il tempio).
Il teatro greco è composto da quattro parti:
- la cavea, ovvero la gradinata a forma di semicerchio dove prendono posto gli spettatori;
- L’orchestra, che è lo spazio circolare o semicircolare riservato al coro che con canti e danze accompagna la recita degli attori;
- Il palcoscenico o proscenio è riservato alla rappresentazione vera e propria;
- La scena fissa costruita in legno o in pietra chiude il palcoscenico;
Gli ordini architettonici sono i seguenti: il dorico, lo ionico e il corinzio.

Hai bisogno di aiuto in Educazione Artistica per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email