Ominide 14591 punti

Rendite. Annualità

Una rendita è una successione di capitali disponibili a determinate scadenze. I singoli capitali si dicono rate o termini della rendita. Le rendite di cui si occupa la matematica finanziaria sono le rendite certe, ossia quelle in cui la riscossione delle rate avviene con certezza a dare epoche.
Classificazione delle rendite
Rendita periodica: l’intervallo di tempo tra due rate consecutive è costante.
Rendita non periodica: l’intervallo di tempo tra due rate consecutive non è costante.
Rendita annuale: il periodo è l’anno (le rate sono dette annualità).
Rendita frazionata: il periodo è una frazione di anno (semestre, trimestre etc.).
Rendita costante: l’importo delle rate è costante.
Rendita variabile: l’importo delle rate è variabile (in progressione aritmetica, in progressione geometrica, etc.).
Rendita anticipata: la scadenza di ciascuna rata avviene all’inizio di ogni periodo.
Rendita posticipata: la scadenza di ciascuna rata avviene alla fine di ogni periodo.
Rendita immediata: la prima rata scade nel primo periodo (all’inizio o alla fine).
Rendita differita: la prima rata scade in un periodo successivo al primo.
Rendita temporanea: il numero delle rate è finito.
Rendita perpetua: Il numero delle rate è infinito.
Ciò che interessa conoscere di una rendita sono:
Il valore attuale o accumulazione iniziale che è la somma dei valori attuali di tutte le rate della rendita, ottenuta all’inizio del primo periodo della rendita; in altri termini, è l’importo che si è disposti a cedere al tempo zero in cambio delle rate della rendita disponibili in epoche successive;
Il montante o accumulazione finale che è, invece, la somma dei montanti di tutte le rate della rendita, ottenuta alla fine dell’ultimo periodo, capitalizzando ciascun termine della sua scadenza alla fine dell’operazione; in altri termini, è il capitale accumulato con la rendita.
Valore attuale e montante di una rendita rappresentano, l’importo che è equo scambiare (principio di equivalenza finanziaria), rispettivamente, all’inizio del primo periodo della rendita, e alla fine dell’ultimo periodo della rendita, con la successione delle rate della rendita stessa. Per calcolare il valore attuale o il montante di una rendita è necessario precisare il regime di capitalizzazione in cui sono capitalizzate le rate della rendita, la scadenza e l’importo di ognuna di esse.
Inserisci qui il titolo dell'appunto
Hai bisogno di aiuto in Economia & Ragioneria?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Capitale fondiario e La produzione lorda vendibile