Ominide 24 punti
Questo appunto contiene un allegato
Organizzazione Aziendale scaricato 3 volte

Organizzazione Aziendale

L’Organizzazione Aziendale si centra, innanzitutto sui concetti di “ attore” e di “azione organizzativa”.
- Attore organizzativo: fa riferimento ad entità , individuali o collettive , fornite di potere decisionale ed inserite all’interno di processi di scambio relazionali con altre entità; tali processi nel loro insieme danno vita all’azione organizzativa finalizzata al raggiungimento di determinati fini e sulla base di certe risorse disponibili /oppure Entità dotate di una certa capacità cognitiva ( conoscenze , esperienze) e potere decisionale poste di fronte al problema di “Organizzare”( coordinare le proprie azioni secondo propri criteri e obiettivi). Possiamo distinguere 4 livelli di attori:
-L’”individuo” che è l’elemento minimo ed è essenziale per l’attività organizzativa.
-Il “ gruppo” , che è un entità sociale costituita da un insieme limitato di individui , alquanto coesi dal punto di vista decisionale e con intense relazioni interpersonali.

-L’”azienda”, che è un insieme di risorse , i cui diritti di proprietà e di ripartizione degli eventuali utili economici sono riconducibili ad uno o più soggetti ed il cui coordinamento è orientato ad un obiettivo comune ( lucrativo o no)
-I “ network”, che sono riconducibili ad assetti di organizzazioni tra aziende ( ma anche tra entità non aziendali ) con caratteristiche e gradi di coesione diversi.
Ad ogni livello di attore possono essere analizzate le caratteristiche:
-“morfologiche -strutturali” (assetto) [dimensione individuale o collettiva ; natura istituzionale (privata o pubblica) ; ruolo].
-“comportamentali-relazionali” ( meccanismi di relazione e modelli decisionali; potere; interdipendenze)

Hai bisogno di aiuto in Economia & Ragioneria?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email