Ominide 16920 punti

Le imprese di commercio al dettaglio

Le negoziazioni delle imprese di commercio al dettaglio sono caratterizzate da acquisti per importi modesti presso i grossisti e da vendite dirette ai singoli consumatori. Sono, per lo più, imprese di piccole dimensioni a struttura individuale e, sovente, a carattere familiare. Si occupano di articoli che rientrano in un medesimo settore merceologico e svolgono la loro attività in locali ad uso negozio. Il ciclo produttivo ha durata più o meno lunga a seconda del commercio esercitato e la politica degli acquisti dipende dalla natura delle merci, dalle disponibilità di magazzinaggio, dalle condizioni di pagamento accordate dai fornitori e dalla situazione finanziaria dell’azienda. Le vendite, soprattutto se si tratta di generi non aventi un elevato valore unitario, sono effettuate per contanti, con notevole vantaggio per l’impresa, che evita pericolose immobilizzazioni. Solo nei casi in cui i beni hanno un notevole valore unitario come mobilio, elettrodomestici, ecc., la concessione di credito risulta necessaria, e viene esercitata nella tipica forma delle rate, garantite, quasi sempre, da effetti cambiari e dal riservato dominio sulle cose vendute. Dettagliante è l’impresa mercantile che acquista piccole partite di merce per poi rivenderle ai consumatori. In particolare: - acquista periodicamente da un ristretto numero di fornitori modeste quantità di merci – crea, nel proprio magazzino, piccole scorte di un numero sovente rilevante di articoli diversi – vende, in genere, per contanti, offrendo al cliente i prodotti meglio adatti ai suoi bisogni – informa i propri fornitori sui gusti della sua clientela – assai raramente opera sul prodotto trasformazioni secondarie.
Hai bisogno di aiuto in Economia & Ragioneria?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email