Video appunto: Diritto d'autore

Diritto d’autore



Sono soggette a diritto d’autore le opere dell’ingegno (opere nel campo culturale) che devono essere creative e frutto dell’elaborazione personale. Il diritto d’autore da la paternità dell’opera.
Nasce con la creazione dell’opera e quindi si ha la proprietà a titolo originario. Con la SIAE (Società Italiana degli Autori ed Editori) si registra l’opera al fine di rendere pubbliche le opere con diritto d’autore e per tutelare quest’ultimo.
Si depositano ogni 5 anni ma si possono rinnovare sempre.

Il diritto morale dell’autore non può essere trasferibile poiché è un diritto della personalità.
Si manifesta con il:
- Diritto al riconoscimento della paternità dell’opera
- Diritto di inedito (scegliere se pubblicare o meno l’opera)
- Diritto di anonimo (scegliere se pubblicare l’opera con il proprio nome, con uno pseudonimo o anonimamente)
- Diritto di opporsi a modifiche dell’opera non condivise
- Diritto di pentimento (scegliere di ritirare l’opera dal commercio)

Il diritto patrimoniale dell’autore è il diritto esclusivo di utilizzare economicamente l’opera e di pubblicarla. Si estingue dopo 70 ani dalla morte dell’autore, dopo ognuno ha diritto a pubblicarla. Può essere trasferito tramite licenza (durata limitata ma rinnovabili) o dato in proprietà (durata illimitata); in entrambi i casi l’autore ha diritto ad un compenso corrispondente ad una % sulla vendita.