sc1512 di sc1512
Ominide 5764 punti

-Canto XXVI del Purgatorio-


In questo Canto, Dante e Virgilio si trovano nella settima (ed ultima) cornice del Purgatorio, sopra la quale vi è situato il giardino dell’Eden, presentato nella Bibbia come il luogo dove Dio creò tutti gli esseri viventi, a partire da Adamo ed Eva, che furono la prima coppia di umani ad essere esistita.

Dante incontra i Lussuriosi, ossia coloro che si abbandonano ai piaceri della vita, prevalentemente quelli sessuali; anche Dante stesso si considera in parte un lussurioso, ma principalmente si identifica come un superbo.

Le Anime di questo Canto devono camminare in mezzo al fuoco che fuoriesce dalle rocce della cornice; il fuoco ha funzione purificatoria.
I Lussuriosi sono divisi in due schiere: quelli naturali e quelli contro natura; per naturali si intendono coloro che sono eterosessuali, mentre quelli contro natura sono gli omosessuali.
Le Anime esprimono concetti contrari alla castità, in modo da conoscere appieno cos’è la Lussuria, per riuscire ad allontanarsi da essa.

Lo stile del Canto è abbastanza complesso e aulico, sia perché si è ormai vicini al Paradiso, ma soprattutto perché Dante incontra due grandi letterati: Arnaut Daniel e Guido Giunizzelli.
Arnaut Daniel era un trovatore provenzale, autore dell’”Arietta”, mentre Guinizzelli era considerato anche dallo stesso Dante il padre dello Stilnovismo.

Hai bisogno di aiuto in Purgatorio?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email