Genius 24385 punti

Analisi del canto 10 dell'Inferno


Nell'Inferno spiccano personaggi che, pur dannati, conservano la grandezza che ebbero in vita. Farinata, capo dei ghibellini morto nel 1264, un anno prima della nascita di Dante, è fra questi. A lui il poeta riconosce quella nobiltà che si è perduta ai suoi tempi. Nei contemporanei egli denuncia «superbia, invidia e avarizia» (cioè, soprattutto, la cura degli interessi privati, in economia e nella gestione del potere); mentre negli uomini di generazioni precedenti, anche se dannati e di fazioni opposte alla sua, riconosce l'amore per Firenze. Il carattere statuario ed eroico di Farinata allude quindi, pur nella colpa, a un ideale politico e morale.

Un racconto "a incastro"

Con grande abilità narrativa, Dante costruisce l'episodio di Farinata secondo una tecnica "a incastro": al suo centro, infatti, pone un dialogo a sé, quello con Cavalcanti. L'opposizione fra i due personaggi è evidente: uno, in piedi fino a mostrare tutto il busto, è statuario e sdegnoso, preoccupato solo delle sorti collettive; l'altro, che, in ginocchio, sporge appena il mento, è debole e piangente e rivolge ogni pensiero al suo privato (il destino del figlio). La grandezza dell'uno, in questo modo, risulta tanto più evidente di fronte alla debolezza dell'altro.


Politica, teologia, letteratura

Eppure, esiste un legame sotterraneo fra i due momenti. Guido Cavalcanti, richiamato dal padre, fu posto in esilio dal governo cui partecipava Dante: e appunto l'esilio viene profetizzato a Dante da Farinata. È un momento centrale: il poeta si dichiara degno di compiere il viaggio ultraterreno e quindi legittima la composizione della Commedia (vv. 58-63).
Per far ciò, da un lato afferma la sua fede religiosa di fronte agli eretici; dall'altro, ricorda a un avversario il proprio diretto impegno politico. Dalla sconfitta subita in terra, in una certa misura, egli trae forza mostrando la propria grandezza morale. Vinto il proprio timore iniziale, Dante si pone di fronte al «magnanimo» Farinata da pari a pari.
Hai bisogno di aiuto in Inferno?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email