Vale 02 di Vale 02
Habilis 944 punti

La legge del contrappasso


C'è una simmetria anche nel sistema escogitato da Dante per rappresentare la giustizia divina. Il poeta infatti immagina che le punizioni siano concepite dalla Provvidenza secondo un preciso rapporto calibrato tra la qualità della colpa e quella del castigo; chiama questo principio contrappasso in un verso dell'Inferno (XXVIII, v.
142). La parola deriva dal termine composto latino contrapassum, formato da contra "contro", e pati, "soffrire Il contrappasso si concretizza quindi in una pena antitetica o analoga rispetto al comportamento tenuto dal peccatore in vita. Così, per esempio, gli indovini, che in vita spinsero la vista troppo avanti per prevedere il futuro, nell'Inferno hanno la testa girata all'indietro e sono costretti a camminare a ritroso (contrappasso per antitesi). Gli iracondi puniti nella terza cornice del Purgatorio, invece, ottenebrati dalla rabbia nella vita mortale sono avvolti e accecati in una densa nebbia di fumo (contrappasso per analogia).

Numeri e simmetrie


Il famoso storico francese Jacques Le Goff, spiega che "medievale uomo affascinato numero", apprezzato dal numero "simbolico. Tre, il numero della Trinità; quattro mero degli evangelisti, dei fiumi del Paradiso, dei virtu cardinali, dei punti cardinali; se non ci sono settenari della religione (sette doni di Dio, sette sacramenti, sette peccati mortali ...); dieci il numero del Decalogo, dei comandamenti di Dio e della Chiesa; dodici, lui numero degli apostoli e dei mesi dell'anno [...] "(Medieval uomo, Laterza, Bari 1988). Ancoraggio per Dante, i numeri hanno una notevole importanza e rimandano una precisa simbologia; l'intera Commedia, infatti, è basata su una complessa numerologia ricorrente che è intessuta da una fitta rete di simmetrie.
Hai bisogno di aiuto in Divina Commedia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
×
Registrati via email