Giorgjo di Giorgjo
VIP 1228 punti

Saponi

Quando un olio o un grasso (trigliceridi) sono riscaldati in una soluzione acquosa di NaOH, la struttura del trigliceride si perde e, attraverso il processo di idrolisi alcalina (sostituzione nucleofila acilica), il nucleofilo OH- attacca il C parzialmente positivo del gruppo C=O del trigliceride e si liberano le parti componenti. Come risultato, il gruppo OH si lega a ogni CH2 e CH, mentre Na si lega al resto: si ripristina il glicerolo (1,2,3-propantriolo) e si creano tre molecole RCOONa, ovvero tre molecole di sapone.
I saponi sono i sali di sodio (o di potassio) degli acidi grassi a lunga catena. Il termine saponificazione si riferisce invece, più in generale, all’idrolisi alcalina di un qualsiasi estere.
I saponi sono generalmente solubili in acqua e hanno una spiccata azione detergente: ciò è dovuto al fatto che la coda(la catena idrocarburica) dello ione carbossilato è idrofobica, mentre lo ione carbossilato in sè (COO-), ovvero la testa, è idrofila. Quando un sapone si dissolve in acqua, gli ioni carbossilato si riuniscono in aggregati sferici chiamati micelle. Le teste idrofile dello ione si rivolgono verso l’acqua, mentre le code idrofile si dirigono verso l’interno della micella: in presenza di un tessuto sporco, le code apolari interagiscono con le molecole di grasso, apolari anche queste, e le disperdono in acqua. Affinché ciò avvenga è però necessario che l’acqua non sia troppo dura (acqua dura= alto contenuto di sali di calcio e magnesio). In caso di acqua dura, si formano sali insolubili che allontanano il sapone dall’acqua.

Attualmente, per rimuovere lo sporco si utilizzano detergenti con strutture simili a quelle dei saponi: questi detergenti sono caratterizzati da lunghe catene apolari alla cui estremità sono legati gruppi polari o ionici. A seconda della natura di questi gruppi, i detergenti vengono classificati come anionici, cationici e non ionici.
Saponi e detergenti riducono la tensione superficiale dell’acqua affinché questa possa penetrare lungo le superfici dei tessuti: gli agenti chimici che possiedono questa proprietà prendono il nome di tensioattivi.

Hai bisogno di aiuto in Organica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email