Spettrofotometria di assorbimento


Mentre nell'analisi in emissione si studiano le radiazioni emesse nel passaggio di una sostanza dallo stato eccitato allo stato fondamentale, nell'analisi in assorbimento si studiano gli effetti provocati dall' assorbimento di radiazioni da parte di una sostanza. Questi effetti sono diversi a seconda dell' energia della radiazione assorbita. Per spiegare questo fenomeno bisogna partire dal presupposto che l'energia totale di una molecola è data dalla somma di varie forme di energia:
E molecola = E nuclei + E elettroni interni + E elettroni di legame + E vibrazionale + E rotazionale + E traslazionale.
Gli assorbimenti più significativi dal punto di vista analitico sono quelli delle radiazioni infrarosse, che provocano aumenti dell'energia vibrazionale, e quelli di radiazioni ultraviolette e visibili che, essendo più energetiche, provocano transizioni degli elettroni di legame. Per provocare transizioni degli elettroni più interni bisogna ricorrere ai raggi-x, mentre per provocare le transizioni delle particelle nucleari occorrono i raggi gamma. Poco significativi sono gli assorbimenti di microonde, che provocano variazioni dell’energia rotazionale.
Lo spettro di assorbimento è quello che si ottiene dopo che un fascio di luce ha attraversato la sostanza in esame e che mancante proprio di quelle radiazioni sono state assorbite. In effetti come se lo spettro di emissione e quello di assorbimento fossero il positivo e il negativo di una fotografia, Nel senso che una radiazione presente nello spettro di emissione sarà mancante in quello di assorbimento.
Anche nell'analisi in assorbimento, così come quella in emissione, dall'esame dello spettro si può effettuare un'analisi qualitativa, e dall'intensità delle radiazioni assorbite si può effettuare l'analisi quantitativa.
Hai bisogno di aiuto in Inorganica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Spettrofotometria di assorbimento atomico