Quert di Quert
Ominide 93 punti

Biotecnologie

Le biotecnologie sono tutte le applicazioni tecnologiche che usano organismi viventi, o parti di essi allo scopo di aumentare la produzione, creare prodotti utili all'uomo, migliorare le piante e gli animali oppure sviluppare microrganismi utili per vari usi.

Le biotecnologie si possono dividere in due tipi:
 Biotecnologie tradizionali: utilizzate da millenni. Basta pensare ai popoli antichi che producevano birra e vino (infatti, per la creazione di vino e birra intervengono molti organismi durante la fermentazione). Anche nell’agricoltura le popolazioni antiche riuscirono a incrementare la produzione scegliendo le piante con caratteristiche migliori.
 Biotecnologie innovative: sono state coperte circa negli ultimi due secoli. Vengono scoperti i batteri responsabili della fermentazione del latte e del burro, i microbi responsabili delle alterazioni della birra e del vino. Vengono creati gli antibiotici e si inizia ad effettuare le prime clonazioni.

Applicazione delle biotecnologie:
 Biotecnologia rossa: è il settore applicato ai processi medici e farmaceutici. Per esempio individuare organismi in grado di sintetizzare farmaci o antibiotici. Oppure sviluppare tecnologie per l’ingegneria genetica.
 Biotecnologia bianca o grigia: si occupa dei processi biotecnologici di interesse industriale. Ad esempio, creare microrganismi in grado di produrre sostanze chimiche.
 Biotecnologia verde: è il settore applicato ai processi agricoli, ad esempio modificare alcuni organismi per renderli in grado di crescere in determinate condizioni ambientali. Lo scopo di questo settore consiste in produrre soluzioni agricole aventi un impatto ambientale minore rispetto ai processi agricoli classici. Ad esempio, sono state create alcune piante in grado di produrre autonomamente pesticidi, in questo modo diminuisce l’inquinamento dei pesticidi. È in corso un ampio dibattito riguardo all'eco-compatibilità di questi processi, e sulla sicurezza degli organismi geneticamente modificati.
 Biotecnologia blu: è il settore delle applicazioni marine.

Pro e contro delle biotecnologie:
Le biotecnologie consentono di proteggere in maniera più efficace la nostra salute, grazie ai nuovi farmaci sviluppati: vaccini più sicuri, nuovi medicinali, medicine antitumorali più efficaci e meno dannosi per l’organismo.
Altre importanti innovazioni portate dalla biotecnologia sono la mappatura del genoma umano (ovvero del nostro intero patrimonio genetico), nuovi test diagnostici (ad esempio il prenatale, praticato sull’embrione per svelare anomalie genetiche).
Oggi vi sono grandi prospettive per l’applicazione della biotecnologia alla soluzione di molti problemi ambientali: diminuzione dell’inquinamento, eliminazione dei rifiuti tossici, tutto questo grazie all’azione di geni utili per la biodegradazione di composti chimici tossici.

Molte sono, inoltre, le varietà vegetali modificate con l’ingegneria genetica dette OGM.
I lati negativi delle biotecnologie sono che se usate in malo modo possono essere dannose sia per la terra sia per gli esseri umani. Infatti come possono essere usate per creare cure e vaccini possono essere usate per creare virus o armi chimiche.

Hai bisogno di aiuto in Nozioni basilari?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email