Ominide 75 punti

Echinodermi


Questo è un phylum unicamente marino, con animali aventi un endoscheletro interno calcareo, formato da piastra ed ossicoli, che spesso sono spiniformi.
Inoltre è presente un sistema acquifero, branchie dermiche ed un sistema di simmetria di tipo radiale o biradiale, questi si nutrono di prede sedentarie o totalmente sessili.
Qui il sistema vascolare-acquifero unico ed è di origine celomatica e si estende dalla superfice del corpo con una serie di proiezioni simili a tentacoli.
Il corpo è triblastico dato da 3 foglietti embrionali (Ectoderma, Mesoderma, Endoderma) e non è segmentato, ed è presente un ampio celoma in cui è presente un fluido celomatico che vede la presenza di amebociti.
Questi animali hanno pochi organi di senso specializzati, ma sono in grado di rigenerare autonomamente delle parti del corpo che potrebbero andare eventualmente perdute, oppure staccate volontariamente per dar vita ad un nuovo organismo tramite riproduzione asessuata tramite frammentazione, o più semplicemente per rigenerare parti danneggiate.
Questi vedono sessi separati con una fecondazione esterna, tipica degli organismi acquatici, e non hanno organi escretori.
Vedono un sistema vascolare che è estremamente ridotto.

Classe Asteroidea

Stelle di mare, queste hanno 5 appendici, il che li rende con una simmetria pentamera, e la bocca è centrale e posta sulla faccia ventrale dell’animale, ed hanno pedicelli che si proiettano esternamente bordati da spine mobili. Le branchi dermiche invece sono delle proiezioni della cavità celomatica, ed andranno a svolgere funzioni respiratorie sulla superfice aborale (superiore), e la digestione è di tipo extracellulare.

Classe Ophiuroidea

Stelle serpentine, le braccia di queste stelle sono allungate e separate interamente fra di loro, e non hanno le papille ma dei solchi ambulacrali che sono ricoperti da ossicoli, e non hanno neanche ventose sulle appendici, che sono usate maggiormente per la predazione.

Classe Echinoidea

Ricci di mare, hanno un corpo compatto e racchiuso in una teca di endoscheletro, senza appendici per il movimento, ma dotata di 5 solchi ambulacrali, la maggior parte dei quali è definita regolari poiché presentano una forma semisferica, e si possono muovere tramite pedicelli.
Invece i “dollari della sabbia” sono Echinoidei irregolari, e si muovono tramite le spine e si infossano nella sabbia. Le pedicellarie permettono a questi animali di tenere pulito il loro corpo impedendo alle larve marine di insediarsi sulla sua superfice, ed alcune di queste pedicellarie vedono la presenza di ghiandole velenose, le quali emettono tossine che vanno a paralizzare le eventuali prede.
N.B. Ano ed aperture genitali sono aborali.
All’interno della teca di un riccio di mare vi è la presenza del sistema digerente, del sistema circolatorio e di un complesso di masticazione, noto come lanterna di Aristotele, sul quale sono fissati i denti.
Un sifone ciliato connette esofago ed intestino e consente all’acqua di superare lo stomaco e di concentrare il cibo da digerire direttamente nell’intestino.

Classe Holothuroidea

Cetrioli di mare, qui non vi sono segni di cefalizzazione, sono molto sviluppati lungo l’asse oro-aborale e possiedono da 10 a 30 tentacoli orali, che non sono altro che pedicelli modificati e posti intorno alla bocca. Pedicelli usati per il movimento. Questi strisciano sul fondo marino, ed hanno una cavità celomatica ampia e piena di fluido che va a funzionare come uno scheletro idrostatico.
Hanno un polmone acquifero che consente sia la respirazione che l’escrezione, e gli scambi gassosi avvengono anche dall’epidermide.
[/youtube]
Hai bisogno di aiuto in Evoluzione?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email