Ominide 2155 punti

Da Darwin alla sintesi moderna

La moderna teoria sintetica dell’evoluzione associa la teoria della selezione naturale di Darwin con i concetti della genetica delle popolazioni.
Questa teoria considera le popolazioni come le unità dell’evoluzione; una popolazione è un gruppo di individui della stessa specie che vive nello stesso luogo e nello stesso periodo di tempo.
Una specie, invece, è costituita da una gruppo di popolazioni i cui individui sono in grado di incrociarsi tra loro e produrre prole fertile.
L’insieme di tutti gli alleli presenti in una popolazione costituisce il pool genico della popolazione. Quando la frequenza relativa degli alleli di una popolazione cambia nel corso di un certo numero di generazioni, questo tipo di cambiamento nel pool genico è detto microevoluzione. Se una popolazione ideale non si sta evolvendo, la frequenza relativa di tutti gli alleli rimane costante (equilibrio di Hardy-Weinberg).

Affinché il pool genico di una popolazione rimanga lo stesso per generazioni è necessario che la popolazione sia molto vasta e isolata da altre popolazioni, che gli accoppiamenti siamo casuali, che non intervengano mutazioni e che tutti i genotipi abbiano lo stesso successo riproduttivo.
In realtà le popolazioni si evolvono in contrasto con l’equilibrio di Hardy-Weinberg perché si verificano uno o più dei seguenti fenomeni:
- Deriva genetica (cambiamento nel pool genico dovuto al caso);
- Flusso genico (trasferimento di individui o di gameti da una popolazione ad un’altra);
- Mutazioni o accoppiamento non casuale di alcuni individui.

Hai bisogno di aiuto in Evoluzione?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email