Video appunto: Via di Wint
Via di Wint

in presenza del ligando Wnt che interagisce con il recettore di membrana Frizzled, il complesso proteico è inibito e la β-catenina non viene degradata. Quindi essa entra nel nucleo ed interagisce con molti fattori trascrizionali, andando così a innescare meccanismi di crescita e resistenza all’apoptosi.


Tuttavia il gene APC che codifica la β-catenina viene considerato un oncogene, ossia un gene che aumenta le possibilità che lo sviluppo di una cellula si diriga in senso tumorale. Difatti una mutazione del gene APC, porta all’attivazione della β-catenina, anche in assenza di Wnt, e questo aumento di β-catenina è riscontrabile nel carcinoma e nel cancro colon-retto.
Ricettori come quello dell’ormone steroideo, presenti nel citoplasma, fanno parte della classe I, invece i ricettori nucleari come quello della vitamina D e dell’acido retinoico RA fanno parte della classe II.
Prendiamo in esame un ormone steroideo, il quale presenta un recettore inattivo nel citoplasma, facente quindi parte della classe I. Quando lo steroide entra nel citoplasma si associa al recettore e lo attiva; a questo punto il complesso entra nel nucleo sfrutta un dominio che possiede per riconoscere e legarsi al DNA a sequenze chiamate HRE (hormone response elements), così facendo stimola la trascrizione di geni specifici.
La classe dei recettori nucleari è invece la classe II; ne sono due esempi quello della vitamina D e dell’acido retinoico (RA). Il recettore attivato RAR, dell’acido retinoico, anche in questo caso si lega al DNA e forma un eterodimero, associandosi all’RXR, stimolando così la trascrizione di geni specifici.