pexolo di pexolo
Ominide 10532 punti
Fabbisogno lipidico ed azoteico

Fabbisogno lipidico
I livelli raccomandati di grassi espressi in percentuale sugli alimenti (calorie totali) sono:
• 25-35% consumo totale
• <7% acidi grassi saturi
• fino al 20% acidi grassi monoinsaturi
• fino al 10% acidi grassi polinsaturi
I livelli raccomandati di grassi espressi in g/die sono:
• 25-35% delle calorie totali
• fino al 5% per gli n-6
• fino all’1% per gli n-3
Bisogna però tenere in considerazione che il rapporto tra gli n-6/n-3 deve essere sempre favorevole ai primi, sia per la maggiore efficienza biologica sia perché entrambi competono per lo stesso sistema enzimatico per il quale l’acido linolenico ha una maggiore affinità.

Fabbisogno azoteico
Per valutare il fabbisogno proteico giornaliero bisogna tenere conto di:
• crescita e mantenimento prima dei 4 anni
• maturazione e mantenimento dopo i 4 anni

• mantenimento nell’adulto

Le proteine sono soggette ad un alto turnover a cui contribuiscono produzione di molecole azotate varie e degradazione in negativo e assorbimento e biosintesi di AA in positivo.
Il bilancio dell’azoto è un una misurazione quantitativa del rapporto fra la quantità di azoto proteico ingerito con la dieta e la quantità di azoto escreto in forma di scarto che in un individuo sano devono essere paritari. Secondo i LARN l’apporto proteico dovrebbe essere pari a 0,75 g/Kg/giorno, tenendo conto nella variabilità biologica interna. In gravidanza la quota sale di 6 g/die e durante l’allattamento di 17 g/die.

Hai bisogno di aiuto in Biochimica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove