Ominide 4454 punti

L’ecosistema naturale

La finalità dell’ecologia è lo studio dei rapporti tra gli organismi viventi e l’ambiente in cui vivono perciò l’oggetto dello studio è l’ecosistema, un’unità che comprende la comunità vivente e l’ambiente fisico e chimico presenti in una determinata area. Nell'ecosistema si distinguono: una componente biotica (vivente); e una componente abiotica (non vivente). L’ecosistema non ha limiti fisici ma presenta micro sistemi (un fontanile, un lago, un ruscello, ecc.) oppure grandi ecosistemi, i cosiddetti biomi (la tundra, l’oceano, le praterie, ecc.) fino al limite massimo dell’intero pianeta (la biosfera). Nell'ecosistema l’ambiente non vivente rappresenta la componente inorganica (abiotica) dell’ecosistema (terreno, acqua, ossigeno, elementi minerali, ecc.), e i fattori fisici e atmosferici (luminosità, temperatura, ecc.). La componente biotica invece raggruppa gli esseri viventi che interagiscono tra loro in modo dinamico ed in rapporto con i fattori ambientali. Lo studio degli ecosistemi ha messo in evidenza due principi universali che regolano tutti gli ecosistemi: il flusso unidirezionale dell’energia e la circolazione della materia. Da questi due principi dipende la vita degli organismi presenti nell'ecosistema, considerando che: “l’energia viene usata una sola volta da un dato organismo che la trasforma in calore ed è perduta dall'ecosistema”;e “i materiali senza energia (azoto, carbonio, acqua, ecc) circolano nel sistema, e possono essere scambiati anche con altri sistemi adiacenti.

Hai bisogno di aiuto in Biochimica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email