pexolo di pexolo
Ominide 10532 punti

Canale ionico acetilcolina


Il recettore nicotinico si apre quando l’ACh si lega al canale. Poiché su ogni recettore ci sono due siti di legame per l’ACh, uno su ciascuna subunità α, ci si può domandare se per aprire un canale sia sufficiente che una sola molecola di ACh si leghi al canale, o se entrambi i siti devono essere occupati perché ciò avvenga. Questa questione era stata tuttavia affrontata e risolta prima che la biologia molecolare mostrasse la presenza di due subunità α nel recettore nicotinico. Come illustrato nel paragrafo precedente, se una sola molecola di ACh è sufficiente che si leghi al canale per aprirlo, allora la conduttanza della placca neuromuscolare avrebbe dovuto aumentare con la concentrazione di agonista seguendo una isoterma di Langmuir. Esperimenti degli anni 70’concordemente indicavano che la relazione dose-risposta presenta un coefficiente di Hill tra 1.5 e 2, indicazione che due molecole di agonista devono legarsi al canale per aprirlo.
Più recenti esperimenti di singolo canale mettono in evidenza dettagli cinetici che non era possibile rilevare con le misure macroscopiche classiche. Specificamente, il recettore nicotinico è in grado di aprirsi se anche solo una molecola di ACh si lega al recettore. In questo caso, tuttavia, le aperture sono molto brevi rispetto alle durate che si osservano quando entrambi i siti di legame sono occupati. Queste osservazioni impongono una leggera revisione dello schema cinetico sopra illustrato.
Un ulteriore stato cinetico fu necessario aggiungere allo schema precedente quando si osservò che se l’applicazione di ACh era protratta nel tempo, il canale si apriva per pochi secondi per poi richiudersi definitivamente. Questo comportamento indicava l’incapacità del recettore per l’ACh a mantenere nel tempo il suo stato di attivazione (cioè, a rimanere aperto), pur in presenza dell’agonista. La prolungata permanenza dell’ACh nel sito di legame sembrava precipitare il recettore nicotinico in un irreversibile stato di non conducibilità. Il ripristino della responsività del canale poteva essere recuperata solo dietro rimozione dell’agonista. Questa perdita di funzionalità del recettore è nota come desensitizzazione. Sulla base di queste osservazioni, al precedente schema cinetico veniva aggiunto un ulteriore stato per incorporare questa proprietà, lo stato desensitizzato, A∙A∙R#. Il meccanismo alla base della desensitizzazione nel recettore nicotinico muscolare sembra identificarsi nella perdita della capacità della proteina a compiere la transizione conformazionale che apre il canale, più che il risultato di una diminuita affinità del ligando per il suo sito.
Hai bisogno di aiuto in Biochimica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
I Licei Scientifici migliori d'Italia secondo Eduscopio 2017