L'apparato


L'apparato cardiovascolare permette lo scambio di sostanze tra il sangue e il liquido interstiziale dei vari organi. Nel corpo umano e in tutti i mammiferi è un sistema chiuso e completo, infatti forma due circuiti distinti: circolazione polmonare e circolazione sistemica.
La circolazione polmonare è quella che ossigena il sangue eliminando il diossido di carbonio mentre la circolazione sistemica distribuisce l'ossigeno assieme ai nutrienti.
Nel cuore sono presenti due atri e due ventricoli, fra gli atri e i ventricoli vi sono le valvole bicuspide e tricuspide mentre fra i ventricoli e le arterie sono presenti due valvole semilunari. Il ventricolo destro pompa il sangue ricco di CO2 nei polmoni attraverso l'arteria polmonare dove viene ossigenato e trasportato nell'atrio e poi ventricolo sinistro mediante le vene polmonari. Da qui, attraverso l'aorta, si ramifica nelle arterie e raggiunge il resto del corpo. Torna nell'atrio destro attraverso la vena cava superiore e inferiore.

L'attività del cuore


Il cuore è costituito da tre diversi tipi di tessuto: epicardio, miocardio ed endocardio. L'epicardio è l'epitelio esterno, il miocardio è il tessuto muscolare responsabile del movimento del cuore mentre l'endocardio è l'epitelio interno. All'epicardio si collega il pericardio, quel tessuto che collega il cuore allo sterno e al diaframma.
Il ciclo cardiaco è composto da tre fasi principali: sistole atriale (ossia quando si verifica la contrazione degli atri), sistole ventricolare e diastole (rilassamento dei ventricoli). Nel nodo seno-atriale si trovano le cellule pacemaker che danno inizio al ciclo cardiaco mandando un impulso elettrico agli atri; questo segnale si propaga grazie ad un sistema di conduzione di cui fanno parte il nodo atrio-ventricolare, il fascio di His e le fibre di Purkinje.

I vasi sanguigni


Ci sono tre tipi di vasi: arterie, capillari, vene.
Le arterie sono quelle che portano il sangue dal cuore verso il resto del corpo di conseguenza sono le più resistenti e ricche di elastina con un perielio ricco di componente muscolare. Le vene riportano il sangue al cuore, hanno pareti più sottili e nessuna componente muscolare, infatti si muovono grazie alle contrazioni muscolari delle varie parti del corpo, inoltre presentano valvole a nido di rondine che non permettono il reflusso di sangue. I capillari sono i più sottili fra tutti e il sangue passa lentamente permettendo lo scambio di sostanze nutritive.

Scambi e regolazione del flusso sanguigno

A seconda delle molecole che devono essere scambiate tra sangue e liquido interstiziale avvengono gli scambi. La permeabilità dei capillari varia da tessuto a tessuto. Il centro di controllo cardiovascolare si trova nel tronco celebrale.

La composizione del sangue

Il sangue è formato dal plasma, la parte liquida, e dagli elementi figurati, la parte corpuscolare, come eritrociti, leucociti e piastrine. Nel plasma sono presenti varie sostanze disciolte, ormoni, proteine. Con l'ematocrito si indica la percentuale occupata dalla parte corpuscolare.
I globuli rossi, o eritrociti, contengono l'emoglobina, una catena polipeptidica, che trasporta l'ossigeno; sono privi di nucleo. I globuli bianchi, leucociti, combattono le varie infezioni e impediscono la crescita delle cellule cancro. Le piastrine servono a riparare vasi sanguigni lesi.
L'emopoiesi è il processo, che avviene nel midollo osseo, grazie al quale si originano le cellule sanguigne.
Hai bisogno di aiuto in Anatomia e Fisiologia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
×
Registrati via email